Natale in carcere

Grazie alla presenza di Padre Gianluigi in Madagascar, i carcerati di Ihosy hanno potuto vivere un Natale speciale.  Padre Gianluigi aveva già fatto visita alla prigione a metà novembre e aveva trovato una situazione ancora più terribile della precedente. Il numero dei reclusi è passato da  250 a 470:  è stato costruito per ospitarne 100.

I detenuti trascorrono in cella  le ore del buio, quindi circa metà della giornata. In prevalenza sono uomini, ripartiti in tre stanzoni di circa 25 metri quadrati che ne ospitano circa 130. C’è poi la stanza dei minori, quella delle donne e quella degli ammalati. Dormono per terra, addossati l’uno all’altro, su stuoie che si consumano presto. Le condizioni igieniche sono terribili, così come quelle alimentari.

Grazie alla vostra generosità abbiamo potuto acquistare e distribuire ai 470 carcerati  125 kg di carne appositamente macellata e confezionata in sacchetti singoli, 300 kg di riso, una maglietta e un pezzo sapone ciascuno.

Il giorno di Natale Padre Gianluigi ha celebrato la messa con loro e ha organizzato il torneo calcistico “Coppa di Natale”. Si sono sfidate le due squadre dello stanzone n.1 e dello stanzone n. 3. Il premio per i vincitori era un montone e un sacco di 50 kg di riso, quello per il secondo posto un sacco di 50 kg di riso.

Ecco le fotografie della giornata! Grazie di cuore a  voi tutti!

La messa
Il primo premio
Il secondo premio
La partita
La prima in classifica
La seconda classificata

Le danze delle donne
Il pranzo di Natale