Verbale della riunione del consiglio direttivo del 14 dicembre 2017

Il giorno 14 dicembre 2017 presso la sede dell’associazione UnicoSole-onlus a Seriate in via Roccolo 39, alle ore 20.30 si è svolta la riunione del consiglio direttivo dell’associazione UnicoSole-Onlus. 

Sono presenti il presidente Elide Longa, il vicepresidente Domenico Albanese, i consiglieri Andrea Carminati, Angelo Colombi, Fabio Forcella e Flavio Ghidelli.

Assenti i giustificati i consiglieri Gianni Bonetti, Cinzia Cortinovis e Antonio Roviezzo

E’ presente inoltre il socio Ettore Ruggeri

ORDINE DEL GIORNO

1 – Approvazione verbale della precedente seduta

2- Accettazione nuovi soci

3- Situazione economica e finanziaria

4- Notizie dal Madagascar e progetti da finanziare

5 – Lettera per gli auguri di Natale

6 – Viaggio in Madagascar di gennaio 2018

7- Varie ed eventuali

 

1 – Approvazione verbale delle precedenti sedute

Si legge e si approva il verbale della precedente riunione di Consiglio direttivo

 

2 – Accettazione eventuali nuovi soci 

Si accetta la domanda di adesione di Anna Serlenga

 

3 – Situazione economica e finanziaria

In data odierna sul conto bancario dell’associazione sono depositati 36.256.90€

Sul conto postale sono depositati 6601,63€

 

4 – Notizie dal Madagascar e progetti da finanziare

Abbiamo ricevuto finalmente notizie e risposte alle domande poste dall’Associazione Miaraka Aminy, vengono chiariti lo stato di avanzamento dei progetti e i beneficiari. Viene deliberato lo stanziamento di 1.500 euro a titolo di contributo ai progetti.

Si è presa visione dei progetti di piantumazione proposti da Padre Colombi, è stata concordata una collaborazione avente come finalità la formazione in campo agricolo di alcuni ragazzi ospitati nelle case famiglia sostenute dall’associazione. Viene deliberato lo stanziamento di 5.000€ a titolo di contributo al progetto formativo.

Viene inoltre deliberato lo stanziamento di 1.500€ per il sostegno della mensa scolastica di Manarinoni e lo stanziamento di 500€ a beneficio dei familiari del custode della Ass.Fifaliana ucciso durante un furto di Zebù, lasciando cinque figli piccoli.

 

5 – Lettera per gli auguri di Natale

Si legge e si approva la seguente lettera da inviare ai nostri sostenitori

 

NATALE 2017

IL NOSTRO MADAGASCAR

Avete provato a chiedere ai vostri amici o colleghi o parenti se sanno dov’è il Madagascar? Probabilmente molti non sanno che questo Paese è un’isola, la quarta al mondo per grandezza, che si trova tra l’Africa e l’Asia, che è stata abitata da popolazioni indonesiane, con usi e costumi differenti, creando un amalgama unico al mondo.

Qualcuno vi potrebbe rispondere che il Madagascar è un sogno: le spiagge candide lambite da acque cristalline, piccole isole che si raggiungono solo via mare con le imbarcazioni locali e che ci mostrano il volto del paradiso.

Altri potrebbero dirvi che il Madagascar è unico per la biodiversità: piante e animali che possiamo trovare solo qui e ancora abitano le ampie porzioni di territorio non attraversato da strade. I turisti possono ammirarli nelle riserve naturali disseminate su tutta l’Isola.

I bambini vi rispondono si, conosco il Madagascar, quello senza l’articolo, “lo abbiamo visto al cinema in cartoni animati e ora è anche un videogioco!”

Tutto questo è vero, ma è solo la superficie del Madagascar. I turisti che si allontanano dalle zone di vacanza stile occidentale e entrano nel Paese vero, restano sconvolti dal contrasto stridente fra tanta bellezza, tanta ricchezza della natura, e la miseria in cui vive la gente.

Cari amici, noi che di questo Paese amiamo la gente, che siamo attenti a quanto succede laggiù e partecipiamo alla vita dei nostri amici, non vediamo alcun miglioramento, anzi, avendo seguito quotidianamente gli avvenimenti anche quest’anno che sta per chiudersi, osserviamo con dolore che il Madagascar è in stato di abbandono. Il governo non governa, le forze di pubblica sicurezza sono corrotte, la Cina sta acquistando grossi appezzamenti, alle compagnie straniere continua a essere concesso lo sfruttamento di petrolio per la durata di un secolo in cambio del solo 1% di incassi per il Paese, le miniere di pietre preziose portano guadagni solo agli stranieri. Il Fondo Monetario stesso afferma che il Madagascar è uno dei paesi più poveri del mondo, anche se ha riserve di nichel, cobalto, oro, uranio e altri minerali.

Chi si occupa delle persone, della sicurezza, della salute, del lavoro, del cibo…? Nessuno difende i contadini dalle ruberie, che spesso vedono anzi proprio la connivenza delle forze dell’ordine. L’epidemia di peste polmonare, malattia endemica, si è diffusa alla fine dell’estate fino alle città, ha ucciso un centinaio di persone e costretto a chiudere le scuole appena iniziate per scongiurare il contagio. L’economia di sussistenza è minata dalla siccità, e quindi dalla carestia che ha decimato i raccolti e ridotto quasi un milione di persone alla fame, soprattutto nel sud.

E per i bambini la fame equivale alla malnutrizione, coi danni gravi e irreversibili allo sviluppo mentale. Proprio ai bambini, all’infanzia e all’adolescenza abbiamo dedicato il calendario del 2018: vi invitiamo a regalarlo ai vostri amici per farlo conoscere, ma soprattutto a leggere quello che abbiamo voluto raccontarvi.

Nonostante tutto questo, noi restiamo. Continuiamo ad assicurare il sostegno ai progetti: le case famiglia, la mensa scolastica, a fare fronte alle emergenze continue che richiedono interventi imprevisti, come la costruzione delle latrine all’esterno della casa famiglia perché i bagni senza l’acqua non potevano più essere utilizzati.

Restiamo e torniamo. Torna a vivere in Madagascar, dopo quasi 15 anni, Padre Colombi, fondatore di UnicoSole: dal 7 dicembre è a Tolonjanahary, 60 km a nord della capitale, per collaborare con l’associazione umanitaria Akamasoa fondata da Padre Pedro. Si occuperà di una grossa comunità con una scuola con quasi 1500 alunni.

Torna in Madagascar anche un gruppetto di soci e amici, che a metà gennaio volerà nell’Isola rossa con il grande uccello di ferro, così chiamano l’aereo i nostri amici malgasci! e con il pullmino percorrerà tutti i chilometri che servono per andare incontro ai ragazzi, alle famiglie, alle comunità per ascoltare, sostenere, raccogliere le richieste e verificare la fattibilità di nuovi

progetti di scuole, acquedotti, formazione professionale in agricoltura da realizzare nel corso del 2018. Come d’abitudine inoltre si verificherà lo stato di manutenzione dei progetti realizzati negli anni scorsi.

Vi racconteremo tutto come sempre, sul nostro sito www.unicosole.it, e su facebook.

Vi auguriamo di cuore un felice Natale: vi chiediamo di mettere anche quest’anno sotto l’albero un dono per i nostri amici malgasci.

Vi auguriamo un sereno inizio del nuovo anno: vi chiediamo di continuare a sostenerci anche nel 2018 e di non smettere di volere bene al “nostro” Madagascar.

Il Presidente, il Presidente onorario e il Consiglio direttivo

 

6 – Viaggio in Madagascar di gennaio 2018

Da sabato 13 gennaio 2018 sei nostri soci tra cui la nostra Presidente Elide Longa , il vicepresidente Domanico Albanese e Graziella che gestisce il sito di Unicosole saranno in Madagascar per verificare i progetti finanziati gli scorsi anni e per accogliere nuove richieste.

Sarà occasione di fare il punto sulle iniziative intraprese e su quelle da intraprendere.

 

7- Varie ed eventuali

Non ci sono varie ed eventuali

 

Il prossimo consiglio direttivo si riunirà il 1 febbraio 2018

 

Seriate 14 dicembre 2017

 

Il presidente                                                                                     Il segretario 

Elide Longa                                                                                       Fabio Forcella

 

Cronaca del viaggio del 22 e 23 gennaio 2018

22 gennaio 2018 Lunedì

Visita al Parco dell’Isalo e prosecuzione per il sud,  versoTulear, con visita al Parco dei baobab.

Pranzo al sacco.

Cena e pernottamento a Tulear

23 gennaio 2018 Martedi

Rientro a Ihosy per le ultime attività all’allevamento.

Proseguimento per Fianarantsoa.

Riunione e cena alla casa famiglia

Pernottamento in hotel.

 

Cronaca del viaggio, 20 e 21 gennaio 2018

      20 gennaio 2018 Sabato

Partenza per Ihosy

Nel tragitto breve visita alla fabbrica della carta papier antemoro

Visita alla riserva con i lemuri e pranzo al sacco

Nel pomeriggio, visita ai progetto agricoli realizzati a Ihosy

Pernottamento in hotel a Ihosy

21 gennaio 2018 Domenica

Ore 7.30: Santa Messa all’allevamento delle galline ovaiole.

 

Alle 9.30 incontro con responsabile e operai del progetto di allevamento  delle galline ovaiole.

Pranzo all’allevamento con i responsabili del progetto

 

14.30: visita al carcere di Ihosy con consegna di cibo e stuoie.

 

Partenza per Rhanoira per una breve visita al Parco dell’Isalo.

Cena e pernottamento a Rhanoira

 

Cronaca del viaggio in Madagascar, 19 gennaio 2018

Siamo a Fianarantsoa, dove abbiamo le due case famiglia di Miaraka Aminy e Rainay e dove trascorriamo la giornata.

Alle 8 incontriamo l’associazione Miaraka Aminy e il suo presidente, Maurice.

Nella mattinata un giro in città e un salto al coloritissimo mercato.

Pranzo in hotel, poi alle 14.30  riunione alla casa famiglia  Rainay con il presidente  Michel e il direttivo e incontro con le tre educatrici della casa

Cena e festa alla casa famiglia,

Cronaca del viaggio in Madagascar, 18 gennaio 2018

Prima di partire  per Fianarantsoa il gruppo torna a Tsatasaotra  per discutere con i ragazzi le richieste di microcredito presentate ieri

Lungo il percorso ci fermiamo alle 8.00 alla scuola media di Ambohimahasoa, inaugurata lo scorso anno e al Liceo di Tsarafidy, dove abbiamo finanziato due nuove aule nel 2015 e due nel 2016. 

Incontriamo il sindaco e la comunità per verificare la funzionalità dell’acquedotto e le nuove proposte di finanziamento.

Arrivo al Fianarantsoa, alla casa famiglia Rainay dove si cena.

Si dorme in hotel

Cronaca del viaggio in Madagascar, 16 e 17 gennaio

16 gennaio 2018

Martedì

Partenza da Padre Colombi per Ambositra

Soste durante il viaggio

Si cena e si dorme in hotel Sokela ny Mania

17 gennaio 2018

Mercoledì

Ore 7.30: visita al Liceo di Tsarasoatra, inaugurato nel 2013.

Alla fine dell’incontro, i ragazzi presentano i progetti a UnicoSole.

Ore 10.00: Scuola elementare e mensa di Manarinony, che finanziamo da oltre 10 anni

Nel pomeriggio artigianato e visite varie. Si cena e si dorme in hotel

da Padre Giangi, mail del 5 gennaio 2018

Campo di lavoro di fine anno 2017

Carissimi,

buon anno a tutti voi colmo di ogni grazia, benedizione e pace da Dio papà di tutto il creato.

Grazie di cuore dei saluti, auguri e del prezioso contributo che oggi ho visto arrivato in banca da parte dell’associazione ed anche che sono in viaggio con Elide, Domenico, Graziella ed altre tre signore che arriveranno in Madagascar per visitare tutti i nostri progetti il prossimo 13 gennaio.

Eccovi alcune notizie di queste ultime due settimane.

Il giorno dopo Natale i ragazzi/e della casa famiglia di Fianarantsoa sono andati a Ihosy per il campo di lavoro terminato ieri. Sono stati giorni speciali di coesione dei 50 ragazzi ed adolescenti nel duro lavoro dei campi ma anche di sport e balli di fine anno. La squadra maschile della nostra casa famiglia ha vinto la coppa, un agnellino di 4 mesi, contro la squadra avversaria della tribù di René.

Hanno messo a dimora migliaia di piantine di eucalipto e cassia, preparato le risaie, trapiantato il riso, sradicato le erbacce dalle risaie ed hanno fatto grandi scorpacciate dei dolcissimi e profumati frutti di mango che crescendo ai bordi dei torrentelli, maturano in questa stagione e salvano tanti bambini dalla fame e denutrizione; per non dimenticare la dolcezza del mango, hanno riempito 8 grandi sacchi, arrampicandosi su tutti gli alberi, da riassaporarsi ora che sono rientrati a Fianarantsoa. E’ stato un campo di lavoro molto allegro al di fuori dei ritmi della città e della scuola, all’aria pulita in campagna con la possibilità di tanti scherzi caratteristici di tutti i ragazzi di questo mondo.

I due ragazzini più piccoli, Princia ed Hery che fanno la terza e la quarta elementare sono rimasti alla casa famiglia a studiare con la giovane mamma educatrice, vedova da qualche mese. Sono arrivati quest’anno in casa famiglia ed hanno difficoltà a scuola, causa delle situazioni famigliari complicate o disastrate. La piccola Princia di 9 anni è stata abbandonata dal papà quando era ancora piccolina. Viveva con la mamma che ha 4 altri figli più grandi e si arrabatta tutti i giorni per cercare qualcosa da dar da mangiare e mandarli a scuola. Ho lasciato una tavoletta di cioccolato a ciascuno per il capodanno. Quando glielo consegnata i loro occhi brillavano di gioia, era la prima volta nella vita che la vedevano. L’hanno subito girata, rigirata, accarezzata, odorata infine trasformata in uno smartfone e giocavano con la tavoletta, come vedono fare dai grandi, componendo i numeri, scrivendo, parlando con lei, facendo le ricariche sul numero della data di scadenza del cioccolato. Ho detto loro che le ricariche si fanno in bocca e sono scoppiati a ridere. La giovane signora vedova che fa da mamma mi ha riferito che per due giorni non hanno fatto nessuna ricarica in bocca ma giocavano con la tavoletta di cioccolato. Princia ha un sorriso spettacolare, parla poco e quando arrivo alla casa famiglia si avvicina a me, non dice nulla ma non si allontana finché non gli ho dato un bacio.

Anche a voi mando tanti cari saluti col mio ricordo nella preghiera per tutti voi ed il grande grazie di tutti i bambini e ragazzi e giovani operai per i vostri grandi doni, con affetto

Giangi