Homepage

A inizio giugno il sottosegretario delle nazioni Unite Ursula Muller , dopo la visita in Madagascar, ha lanciato l’allarme: il Paese è bloccato in una situazione di arretratezza e sottosviluppo che non permette agli abitanti di condizioni di vita accettabili. Le persone alla fame sono 1.300.000, per la maggioranza bambini e anche l’accesso all’acqua pulita è tra i più bassi del continente africano. Le cause: il cambiamento climatico, con periodi prolungati di siccità; la indisponibilità delle ricchezze naturali, che vengono concesse a titolo praticamente gratuito alle potenze straniere; l’immaturità politica che non consente di porre in essere azioni concrete per lo sviluppo.

Quello che le Nazioni Unite non dicono è che il Madagascar è stato tagliato fuori dai circuiti degli aiuti internazionali. Un popolo abbandonato a se stesso.

Durante la giornata dedicata al Madagascar il 9 giugno scorso abbiamo quindi fatto il punto sul modo quello che UnicoSole sta realizzando quest’anno gli amici malgasci : il sostegno alla casa famiglia di Fianarantsoa dove vivono e studiano 50 ragazzi, le mense che assicurano almeno un pasto al giorno a oltre 1000 bambini, la costruzione di nuove aule scolastiche e della fontana accanto al Liceo di Tsarafidy. Insomma nonostante la situazione che persino le Nazioni Unite definiscono drammatica non ci scoraggiamo, anzi rafforziamo l’impegno di piccola goccia che vuole dissetare tante arsure!

La giornata di condivisione e raccolta fondi è stata un successo: al pranzo solidale hanno risposto 140 persone, gli oggetti di artigianato sono stati molto graditi così come la lotteria e la sottoscrizione a premi

Grazie di cuore all’Associazione Il Melograno che ci accoglie sempre in maniera superba, mettendo a disposizione gratuitamente il lavoro dei volontari per preparare la sala, cucinare e servire. Grazie a chi ha partecipato, a chi ha contribuito anche senza partecipare, e grazie a  tutti quelli che continueranno a sostenere il Madagascar attraverso UnicoSole.

News

Convocazione del Consiglio Direttivo del 30 maggio 2019

Il giorno 29 maggio 2019, giovedì alle ore 20.30, presso la sede dell’Associazione, a Seriate, Via Roccolo 39, sono convocati i componenti del Consiglio direttivo per discutere il seguente OdG. Lettura e approvazione del verbale della seduta precedente Situazione contabile Situazione allevamento di Ihosy, subentro di Rainay nella gestione Situazione della casa famiglia Pranzo e …

Chi siamo: come contattarci

gruppo_madagascar_2013.jpg - 3.12 MbUnicosole Onlus è un’associazione che contribuisce allo sviluppo del sud del mondo, in particolare del Madagascar attraverso il sostegno alla scolarizzazione, la formazione e l’avviamento al lavoro di ragazzi. Operiamo con partner locali, le associazioni malgasce “Rainay” e “Miaraka Aminy”, con le amministrazioni comunali e in Italia collaboriamo con la rete della associazioni italiane che operano in Madagascar V.I.M, volontari italiani per i Madagascar. Siamo nati nel 2003 e dal 2007 siamo registrati tra le le associazioni di volontariato destinatarie del 5 x 1000

In questi anni abbiamo contribuito alla costruzione e manutenzione di diverse strutture scolastiche e di aggregazione, di opere idriche quali pozzi e fontane; sostenuto la formazione culturale e sportiva e l’impianto di attività lavorative.

La vita dell’associazione è regolata dallo statuto :

Presidente onorario è il nostro fondatore, Padre Gianluigi Colombi.

La nostra sede legale è a Seriate, Lombardia, Via Roccolo 39 – 24068 Seriate (BG)

Per informazioni scrivi a unicosole@gmail.com
oppure chiamaci ai numeri

  • 328 2120525 Angelo
  • 346 0900011 Fabio
  • 328 4657549 Elide
  • 320 4471022 Domenico

Siamo anche su Facebook. Visita la pagina cliccando qui
Iscriviti al gruppo di UnicoSole su Google cliccando qui

Sostieni UnicoSole

Ci sono diverse modalità di sostenerci: UnicoSole invia ai donatori la ricevuta da utilizzare per  la dichiarazione annuale dei redditi ( Mod. 730 o Mod. Unico).  Per questo è importante, quando fai una donazione, indicarci i tuoi dati anagrafici, il codice fiscale, e un tuo recapito: l’indirizzo oppure una casella di posta elettronica (email).

Puoi versare il tuo contributo

  • sul conto corrente bancario,   IBAN  IT96T0311153510000000077355 
  • sul conto  corrente  postale,    IBAN IT22O0760111100001002826483 

entrambi intestati a UnicoSole – ONLUS Via Roccolo 39 – 24068 Seriate (BG)

  • puoi  utilizzare PayPal o le più comuni carte di credito

Puoi sostenere UnicoSole donando il tuo 5 per mille quando dichiari i tuoi redditi, scrivendo nella casella delle associazioni di volontariato, la prima in alto  sinistra. il nostro codice fiscale 

95160790168 

SE VUOI, puoi aiutarci a realizzare un progetto: 

  • mensa scolastica: con 5 euro puoi garantire per 8 settimane il pasto di un bambino e aiutarlo a non abbandonare a scuola;
  • sostegno allo studio: con 100 euro puoi finanziare lo studio per un bambino delle scuole elementari e medie per un anno scolastico: i genitori devono pagare anche lo stipendio degli insegnanti;
  • sostegno di uno studente della casa famiglia: con 350 euro puoi finanziare per un  anno scolastico uno dei ragazzi della casa famiglia di Fianarantsoa: contribuire al costo della sua permanenza nella casa e la frequenza della scuola;
  • con 3.000 euro puoi costruire un’aula di una scuola.

Ti ricordiamo che la donazione  a favore di una Onlus dà la possibilità di detrarre dall’Irpef, nella propria Dichiarazione dei redditi, un importo pari al 26% della cifra donata, fino a un massimo di 30.000 €  di donazione. 

In alternativa si può chiedere la deduzione nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino a un massimo di 70.000,00 € annui.

L’agevolazione spetta a condizione che il versamento sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari.

GRAZIE DI CUORE PER IL TUO DONO!

Come diventare  socio di UnicoSole

 

 

 

Progetti

UnicoSole promuove e sostiene progetti di solidarietà sociale ideati con partners locali (associazioni, enti, strutture pubbliche).I progetti si snodano lungo tre filoni:

la scolarizzazione: 

  • le case famiglia delle associazioni partner, a Fianarantsoa, dove 60 ragazzi di famiglie che abitano nei villaggi rurali sono ospitati durante tutto l’anno scolastico per poter frequentare le scuole elementari, medie o superiori;
  • la costruzione o riparazione di scuole che, una volta completate, vengono consegnate alle autorità locali e diventano bene pubblico;
  • il finanziamento delle mense scolastiche che evita l’abbandono degli studi nei mesi da gennaio a marzo, quando le scorte alimentari delle famiglie sono esaurite e ancora non è pronto il nuovo raccolto. Il progetto favorisce il miglioramento delle condizioni alimentari e igieniche e garantisce ai ragazzi un pasto al giorno con un adeguato apporto di calorie e un’alimentazione variata.

l’approvvigionamento idrico delle popolazioni,  con la costruzione o riparazione di acquedotti, realizzati per caduta sfruttando le sorgenti poste il alto, evitando l’utilizzo di strumentazione soggetta ad usura (generatori, pozzi. L’acqua viene portata nei villaggi con le fontane garantendo il miglioramento immediato delle condizioni sanitarie (nei villaggi in cui è stata resa disponibile alla popolazione l’acqua potabile alle fontane, le malattie intestinali sono pressoché debellate);

i progetti di autofinaziamento e microcredito:

  • l’allevamento delle galline ovaiole la cui gestione è effettuata in proprio da una delle associazioni partner. I guadagni vengono utilizzati per contribuire al  finanziamento della casa famiglia dell’associazione;
  • il contributo offerto ai ragazzi a conclusione del ciclo scolastico, per avviare piccole attività imprenditoriali.

La fase di selezione dei progetti viene effettuata in cooperazione con le associazioni partner che raccolgono le richieste delle popolazioni e dettagliano l’attività quantificandone i costi e indicando anche l’impegno (di carattere economico o lavorativo) da parte di chi chiede il finanziamento.

Le proposte vengono esaminate dal consiglio direttivo e dall’assemblea che all’inizio di ogni anno effettuano le dovute valutazioni in termini di opportunità e di costo, e in base alle disponibilità economiche viene stabilito quali progetti finanziare per l’anno successivo.