Diario del viaggio del 2009 in Madagascar – secondo gruppo

 Partecipanti: Colombi Angelo. Cortinovis Cinzia, Albanese Domenico, Tonin Cinzia, Carminati Andrea, Ginanni Corradini Giulia, Errante Giovanni, Mancini Domenico, De Paolis Mariella
 

30 agosto 2009

Finalmente il gran giorno è arrivato.

Dopo una preparazione estenuante di parecchi mesi è arrivato il momento della partenza, è come se fosse sempre la prima volta.

La partenza è sempre carica di emozioni, compagni di viaggio vecchi e nuovi, soliti problemi di bagaglio e ritardi aerei.

Quest’anno sull’aereo siamo in quattro, io, Cinzia, Andrea e Giulia, gli altri tre, Domenico, la moglie Cinzia e Giovanni ci hanno preceduto perché volevano visitare le Mauritius, l’appuntamento per tutti è questa sera all’aeroporto di Tanà.

Stiamo sorvolando il Kilimangiaro. Si è fatto buio ormai e c’è parecchia turbolenza. L’aereo è completo in ogni ordine di posti, ci sono parecchi bambini e fa freddo.

Un pensiero e un grazie a mia moglie che è rimasta a casa e che mi ha aiutato tantissimo in questi ultimi giorni di preparativi.

Arrivo a Tanà con 1 ora di ritardo, ritiro bagagli tutto OK.

Nirina puntuale con il suo pulmino, però manca Domenico, si sarà perso in aereoporto? Tutti a nanna all’Hotel IVATO.

Angelo

31 agosto 2009

31 agosto 2009, non mi sembra vero, dopo 2 anni sono ritornato a rivivere l’esperienza del Madagascar con i suoi paesaggi pittoreschi e i suoi cieli immensi.

La cosa più bella che in questi ultimi periodi mi sia potuta capitare.

Rivivere le stesse emozioni con alcuni ragazzi è la prima volta, Domenico, Cinzia e Andrea e non solo, nel mio breve soggiorno a Mauritius ho conosciuto dei meravigliosi ragazzi Romy e Mery che si sono fatti travolgere dalla nostra esperienza di questo mondo colorato e pieno di emozioni. Alle 17,00 circa ci siamo incontrati con i ragazzi del primo gruppo che ci hanno accolto a braccia aperte, raccontandoci la loro esperienza in positivo ed altri in negativo forse perché avevano visto la cruda realtà, che più delle volte viene nascosta perché ci fa comodo nascondere.

Una sola cosa vorrei dire a tutti: non ci facciamo travolgere dalle nostre grandi città e dalla nostra vita frenetica e dai sorrisi stampati ma apriamo il nostro cuore alle persone che più delle volte nel nostro vivere quotidiano non sanno cosa significa amare.

Prendiamo esempio dal popolo malgascio e dai loro sorrisi spontanei e dalle loro poche cose ma con un grande cuore.

Giovanni 

1 settembre 2009

Scrivo questo diario con estremo ritardo. Anch’io, come Cinzia, mia moglie, Giovanni, Andrea, Angelo e Cinzia Cortinovis, torno per la seconda volta in Madagascar. Ci torno a distanza di 2 anni. Particolari sono le sensazioni in questo viaggio.

E’ da giorni che mi chiedo perché questa volta, a differenza della prima, non riesco a provare emozioni. Sarò mica diventato arido nello spirito?

A ben pensarci mi rendo conto che diverso è l’approccio che ho in questo viaggio. Quando sono venuto le volte scorse ero vergine di Madagascar. Tutto era una novità, una scoperta, tutto in me suscitava curiosità irrazionale. Questa volta invece la curiosità è legata ad un qualcosa che già conosco, almeno in parte. E’ legata all’esperienza già vissuta tra agosto e settembre 2006. Ecco allora che andare in un villaggio suscita in me le curiosità del vedere cosa è cambiato rispetto alle volte scorse. Accende in me la lampadina del fare e non del guardare passivamente. Ecco allora che mi rendo conto dell’esistenza di sentimenti e sensazioni. La rabbia. La rabbia mia nel vedere che gli orologi qui non battono il tempo come gli orologi ai quali sono abituato. Mi chiedo anche, però, se per fortuna o per disgrazia. L’orgoglio. L’orgoglio di far parte di una Associazione come Unico Sole che tenta disperatamente di porre rimedio a questa tristissima situazione. La rassegnazione. La rassegnazione che mi immobilizza quando vedo realtà così difficili, e di nuovo la rabbia del non sapere da dove iniziare. La gioia. La gioia di sorriso dolce e innocente di un bambino che ti guarda con occhi trasparentemente curiosi. La tristezza. La tristezza che faccio mia di un prigioniero, forse innocente, che ha ancora la forza e la voglia di ringraziare Dio con una emozionantissima canzone intonata con i suoi compagni di sventura. La distensione dell’anima. Quella che ho quando, con i miei compagni di viaggio, attraverso distese infinite che mi fanno riflettere sulle bellezze del creato.

E poi, la gioia, la dolcezza, l’amore di avere Cinzia accanto. Di poter condividere ancora una volta con lei queste esperienze; crescendo insieme ed affrontando insieme le gioie ed i dolori della vita.

A ben vedere non è dunque vero che questo viaggio è privo di sentimenti ed emozioni.

Mi tocca scrivere queste pagine di diario per raccontare la giornata dell’inaugurazioen dell’acquedotto di Ivandrona.

Dopo una colazione abbondante, eccoci partire con il primo gruppo verso il villaggio di Ivandrona. Parto pensando ad alcune parole che Shanti ha usato nello scrivere le sue emozionanti pagine di diario: cambiamento, novità, rinascita.Mi auguro che l’acqua possa essere per gli abitanti del villaggio la novità che porta al cambiamento e alla rinascita degli abitanti stessi del villaggio. Arrivati ad Ivandrona, ecco apparire le scuole che già due anni fa avevo visto piene di bambini curiosi e sorpresi per l’arrivo di noi vasà. Oggi le aule sono vuote perché i bambini non sono a scuola. Gli stessi banchi sono ora trasformati in una grandissima tavolata piena di cibo appositamente preparato per noi. Intensa è la giornata: un matrimonio, un battesimo, l’inaugurazione dell’acquedotto. Dopo una cerimonia religiosa meno lunga di quanto noi tutti avevamo pronosticato, ecco l’inizio dei festeggiamenti per ‘inaugurazione del nuovo acquedotto.

Giochi antichi ripetuti da sorridenti e bravissimi bambini hanno introdotto i discorsi ufficiali di rappresentanti locali, politici, genitori, gente del posto. Mai potevo immaginare di ritrovarmi su un palco per assistere all’alzabandiera fatto da 2 militari malgasci presenti. Bello è stato condividere l’emozione di Gisel che ha teutonicamente controllato per tutta la giornata. Finiti i discorsi ufficiali, come al solito lunghi e ripetitivi, siamo andati a visitare il canale che 2 anni fa avevo lasciato in costruzione e forte è stata l’emozione nel vedere l’acqua scorrere sopra il riempimento di terra realizzato grazie al supporto finanziario dell’associazione e il duro lavoro degli abitanti del posto. Bello è stato incontrare lo sguardo di Andrea scambiandoci un silenzioso senso di soddisfazione per la realizzazione del canale.

Il buio ci ha sorpreso durante il viaggio di ritorno verso l’albergo di Ambositra dove c’erano già ad aspettarci un gruppo di donne pronte a venderci le loro bellissime sciarpe di seta chiedendo con discrezione e dignità qualche vestitino per il bambino che due di loro portavano in grembo.

Bella è stata la giornata anche se un po’ pesante.

Con un po’ di dispiacere, consumo la cena con il primo gruppo sapendo che il giorno seguente ci saremmo divisi. come al solito provo amarezza e tristezza per non avere la possibilità di condividere con ciascuno di loro queste pagine di storia in Madagascar del libro della vita.

Il vizio di scrivere tanto e parlare tanto è confermato anche in questa occasione!

Primo di chiudere questo diario, vorrei ringraziare di cuore Domenico e Mariella per aver riposto la loro fiducia nelle nostre mani quando, davanti ad una pizza e una birra sull’isola di Mauritius, hanno deciso di condividere con noi questa stupenda e particolare esperienza, donandoci parte del loro tempo che doveva essere dedicato al riposo, la loro amicizia e il loro cuore.

Un saluto a tutti e un bacio dolce a mia moglie.

Domenico

2 settembre 2009

Ambositra, quarto giorno della mia seconda volta in Madagascar.

Di buon’ora il secondo gruppo al completo con l’aggiunta di Gianni e Gisel, capitanati da Giangi, si reca in un villaggio a pochi chilometri da Ambositra che ha chiesto all’Associazione UnicoSole il supporto per la costruzione della scuola media.

Solite presentazioni e spiegazioni chilometriche che Giangi instancabile traduce e ritraduce, e poi di corsa all’albergo dove ci aspettano gli altri pronti per la partenza verso Tanà. Ultima foto di gruppo al completo e poi il via ai saluti.

Mi rincuora il pensiero che l’incontro tra i due gruppi sia stato così piacevole e proficuo. Alcuni di loro li avrei voluti volentieri compagni di viaggio, penso in particolar modo a Gianni, Shanti, Letizia e Tiziana.

Ed eccoci diretti verso Fianarantsoa, nel nostro pulmino-casa.

Ci fermiamo a pranzo in un fast food malgascio e lì benediciamo la caciotta di Angelo che ha salvato più di qualcuno dal digiuno completo.

Arriviamo alla casa e mentre gli uomini vanno a comprare i materassi per l’ospedale di Andaronamatso, io e Mariella e Giulia dividiamo i vestiti portati dall’Italia e prepariamo la cena.

Si va a nanna presto, domani si parte per Ioshy e Ranuira.

Cinzia

4 settembre

Ed eccomi qui, arrivata all’ultimo giorno di questa meravigliosa esperienza in Madagascar.

Un paese tanto incantevole quanto difficile, tanto colorato quanto buio nero come è la fame del suo popolo.

Oggi è stata una giornata veramente faticosa ma ne è valsa la pena, visitare quel posto incantevole che è il parco dell’Isalo. Una lunga passeggiata fiono alla piscina naturale e poi, un bagno nelle sue cristalline acque gelide, fatto da tutti i componenti del viaggio tranne me che ho dimenticato il costume in valigia! Peccato!

E poi di nuovo indietro lungo il percorso di 2 ore fino al nostro minibus che ci ha riportati alla casa. Una folle corsa alla ricerca di cose da mangiare e poi via a cucinare. In compagnia di un topolino che impaurito se ne stava lì in un angolo aspettando il momento giusto per rubare cibo dalla pattumiera.

E poi, dopo la cena, un massaggio dalla Cinzia che mi ha rimesso a nuovo, due chiacchiere con i miei fantastici compagni di viaggio e poi tutti a nanna. Ma prima di andare a letto mi metto a scrivere su questo diario di ricordi e di emozioni splendide, quelle che ho provato grazie alle persone che mi hanno accolta, quanto cuore ho sentito…

Mariella

5 settembre 2009

Stamattina i nostri due amici DOMENICO E Mariella sono partiti per Tanà per ritornare in Italia. Hanno condiviso con noi 5 giorni di vita in Madagascar; è stato un incontro da cui è scaturita un’amicizia che proseguirà nei prossimi mesi negli incontri dell’Associazione UnicoSole. Noi siamo andati a visitare la famiglia di Fenu a Andohdranomantso, siamo stati accolti festosamente, con musiche, balli, canti dei giovani, che hanno mostrato la loro abilità e il loro coraggio nel tentativo di cavalcare alcuni zebù. Ci è stato offerto del cibo preparato accuratamente per noi. E’ stata fatta la richiesta di una fontana nel villaggio che derivi l’acqua da una sorgente non molto lontana. Ci hanno ringraziato per gli aiuti che abbiamo dato loro, ci aspettano l’anno prossimo.

Siamo poi andati a portare due materassi, che ci erano stati richiesti, all’Ospedale. Ci hanno accolti un medico e un’ostetrica. Oltre ai parti, vengono lì curati i bambini. Le condizioni dell’ambiente sono molto precarie. Siamo andati a trovare anche la famiglia di Renè. Anche qui ci hanno accolto molto festosamente, offrendoci la merenda. Una visita alla gente dei piccoli villaggi mi ha fatto capire come sia importante per i malgasci l’accoglienza, l’aiuto che possono ricevere da noi e soprattutto noi riceviamo calore umano, amicizia, gioia di vivere.

Giulia

6 settembre 2009

Eccomi qui, a distanza di quattro anni a riscrivere una pagina di questo diario, eccomi di nuovo in Madagascar.

Proprio come allora tante emozioni, tanti contrasti che nascono dentro di me, porte chiuse si riaprono e barriere costruite in quattro anni che iniziano a crollare.

Proprio come il Madagascar con questa terra rossa meravigliosa, le nuvole che sembrano sfiorare le montagne, i mille sorrisi dei bambini incuriositi ma nello stesso tempo impauriti da noi vasà e l’estrema povertà e miseria che tutti i giorni ci si presenta davanti agli occhi.

Oggi nel 17mo anno di sacerdozio di Padre Maurice, non potevamo che essere nel suo villaggio natale per festeggiare con lui e con tutta la sua famiglia, questo importante giorno, iniziato con l’accoglienza da parte dei ragazzi, che ci hanno guidato per un tratto di strada in bicicletta, scalzi, ma orgogliosi di sventolare la loro bandiera a fianco della nostra. E’ poi proseguito con la S. Messa e i festeggiamenti con gli abitanti del villaggio. Pranzo e poi visita alla scuola, inaugurata poche settimane fa con il primo gruppo.

Una giornata intensa fatta da discorsi, per noi incomprensibili e troppo lunghi, ma anche risate e paura per gli zebù scappati dall’arena. Momenti ricchi di emozioni che questo popolo è pronto a donarci, accogliendoci nelle loro famiglie a braccia e cuore aperto.

Proprio come ieri ha ricordato Padre Maurice, durante l’omelia, il Signore è in croce a braccia e cuore aperto pronto ad accoglierci nel suo amore,sta solo a noi andargli incontro e lasciarci abbracciare.

Cinzia 

7 settembre 2009

Oggi in un certo senso è stata una giornata diversa.

Due anni fa sono venuto in Madagascar con l’Associazione che come scopo primario ha quello di aiutare nella scolarizzazione i giovani malgasci, ma non mi sembrava sufficiente.

Oggi, forse per una inaspettata disponibilità economica, ci siamo interessati alla realizzazione di un acquedotto e ad un progetto di autofinanziamento. Tutto ciò, visto che parlo poco, mi fa pensare molto.

E’ giusto aiutare per l’acquedotto: l’acqua è un bene primario e mi sembra che il modo di affrontare il problema, coinvolgendo la popolazione locale per la realizzazione, sia valido. Considero però più importante che la popolazione venga coinvolta nella gestione dell’acquedotto soprattutto a livello di responsabilità. Deve imparare la gestione delle cose di tutti ma anche noi italiani siamo un buon esempio. Ancora più difficile vedo la realizzazione di un progetto di autofinanziamento, ma non per questo non deve essere fatto: è necessario per crescere. Individuato il tipo di progetto (allevamento galline ovaiole) la difficoltà maggiore non è nella costruzione della struttura, con i mezzi a disposizione si può costruire dovunque; è la gestione che rischia di far fallire la buona e valida intenzione.

Nei prossimi giorni sicuramente avremo modo di parlarne e speriamo di chiarire molti dubbi.

Sono felice di essere tornato in Madagascar ed essere qui con mia moglie e con validi amici, ma mi dispiace per la realtà che mi circonda che suscita in me un senso di impotenza e rabbia.

Andrea

8 settembre 2009

Dopo aver pensato e ripensato sull’itinerario da scegliere per raggiungere il mare a Manakara, è arrivato il giorno della partenza. Sveglia di buon mattino (ore 5.00), il gruppo si divide, 5 con il treno, io, Andrea, Giovanni, Renè e suor Jaqueline, gli altri con il pullmino accompagnati da Jasa e Nirina.

Un fischio prolungato ci avvisa della partenza, siamo in perfetto orario, ore 7.00.

Il treno è composto da 6 carrozze: 4 per i passeggeri e 2 per le merci. I nostri timori svaniscono subito perché noi prendiamo posto su una carrozza di prima classe, senza porte e con vetri solo fino a metà altezza, però tutto sommato confortevole e con posti numerati. La carrozza è affollata prevalentemente da turisti francesi e le premesse per questo itinerario affascinante e a noi sconosciuto si avverano dopo pochi Km appena il treno incomincia a penetrare nella foresta pluviale che divide Fianarantsoa da Manakara, circa 200 Km. Vegetazione rigogliosa, cascate d’acqua che ad ogni curva appaiono e scompaiono in un attimo e poi ad ogni stazione, circa 20, una folla festante che circonda il treno cercando di vendere i prodotti della terra, frutta di ogni genere, piatti pronti di ogni tipo, collanine e altri souvenir fatti con svariati semi di foresta coloratissimi.

Noi ci limitiamo all’acquisto di banane di ogni tipo e grandezza e un po’ di collanine da portare in Italia.

La sosta nelle stazioni è molto lunga, è un continuo carico e scarico di merci, si sganciano vagoni vuoti e si agganciano quelli pieni,in prevalenza banane e manioca, ma non mancano maiali e verdure da vendere al mercato di Manakara. Si avvicina anche l’inizio dell’anno scolastico e ad ogni fermata c’è anche la distribuzione di quaderni e penne, però solo per i dipendenti della ferrovia.

Le ore passano e la stanchezza incomincia a farsi sentire, si guarda dal finestrino, senza sporgersi perché il varco tra la vegetazione è veramente ridotto alla larghezza del convoglio, però del mare ancora nessuna traccia.

Incomincia a farsi buio, si lasciano le montagne, il paesaggio si fa più dolce, non ci sono più bananeti ma alberi molto grandi di licis.

Sono le 18.00 e finalmente la stazione di Manakara, 11 ore di un viaggio unico e affascinante, abbiamo attraversato una delle ultime foreste del Madagascar, il ricordo di una moltitudine di bambini ad ogni stazione che ci accoglievano con i fiori in mano, ma con la tristezza negli occhi e il rimpianto di non aver potuto fare nulla per loro, che a piedi nudi in mezzo al fango ci facevano festa senza chiedere nulla in cambio.

Questo è un itinerario sicuramente da riproporre nelle prossime esperienze, sarebbe utile avere con sé penne e quaderni da dare a questi bambini.

Angelo

9 settembre 2009

Finalmente dopo un bel giro tra parenti e amici malgasci nei loro villaggi, oggi mi sveglio con il rumore delle onde del mare.

Vedere la spiaggia enorme, le onde che sbattono sugli scogli sembra di essere in paradiso. Per un attimo ti fa dimenticare la realtà che c’è fuori!!!

Ma dopo i pensieri mi ritornano e non mi do una spiegazione di tutto ciò,io mi auguro che  un giorno tutto ciò possa cambiare e che il popolo malgascio possa avere una vita degna di essere vissuta.

Ora vado a prendere un po’ di sole con i miei amici di viaggio, basta tristi pensieri, pensiamo positivo; se noi siamo qui un motivo c’è, non solo per prendere il sole ma anche per far capire loro che non sono soli e ci stiamo impegnando per cambiare le cose!

Volevo ringraziare i miei amici, Angelo, Giulia, Andrea, Domenico, Cinzia, Cinzia di avermi sopportato in questi giorni. E mi auguro che tutto ciò si possa ripetere nei prossimi anni.

Un grosso bacio a tutti voi.

Giovanni 

10 settembre 2009

Secondo e ultimo giorno a Manakara. Ci alziamo, facciamo colazione, programmiamo la giornata.

Ci rendiamo conto che alla fine c’è veramente poco da programmare.

Bagno, un po’ di spiaggia e sole, pranzo e lunghissimo e faticosissimo viaggio. Doveva dunque essere una banalissima giornata. Ecco invece che le sorprese non sono mancate. Incontriamo sulla spiaggia una copia francese. Presento un po’ noi, Unico Sole e il nostro progetto.

Dominique, così si chiama la donna francese, si dimostra subito interessata. Alla fine della chiacchierata ci diamo appuntamento alla casa di Fianarantsoa. Dopo dieci minuti di relax al sole vedo in acqua delle piroghe in mezzo a fortissime onde oceaniche. Capisco che lì vicino c’è un villaggio di pescatori. Io e Angelo ci avviciniamo verso il punto della spiaggia dove c’erano gli altri compagni di viaggio. Incontriamo dei pescatori che ci offrono delle aragoste ancora vive. Con Angelo decidiamo di acquistarle alla modica cifra di 10.000 ariary. Poco meno di 4 euro e abbiamo 5 aragoste che ci facciamo cuocere alla griglia dalla disponibilissima cuoca del ristorante.

Prima del pranzo e dopo l’accordo con la cuoca assistiamo ad un’altra sorpresa. Circa 8 piroghe, senza bilanciere, rientrano dopo un a lunga uscita. Pare siano stati in acqua dalle 3 di notte fino alle 11!!.

Grande è la nostra meraviglia e stupore nel vedere le piroghe rientrare faticosamente approfittando di un piccolo varco in mezzo alla barriera corallina. Durante il rientro uno dei pescatori fa una manovra errata, imbarca acqua e ribalta la piroga.

Ancora una volta abbiamo avuto modo di assistere alla grande solidarietà tipica del popolo malgascio: altri 3 pescatori con altrettante piroghe vanno in acqua, malgrado il mare mosso, per aiutare il gruppo di pescatori e soccorrere chi era caduto in acqua. In pochissimo tempo la spiaggia è diventata teatro.

Tutte le persone del posto, i pochissimi turisti presenti in quella spiaggia e noi siamo spettatori di questa operazione di salvataggio.

Alla fine tutto è andato bene. Ciò che mi ha colpito di più è stato vedere che tutti i pescatori, malgrado la stanchezza, siano rimasti in acqua ad attendere la piroga sfortunata. Grande festa quando tutti insieme sono usciti.

Dopo pranzo partiamo per Fianara. Viaggio molto stancante. La sera, arrivata a Fianara, ci rendiamo conto di essere rimasti senza pane. Corsa da Sofie. Chiuso. Con Suor Jacqueline facciamo di tutto per convincere la proprietaria-matrona ad aprirci. Operazione riuscita! Mentre chiediamo le cose che ci servono, sentiamo un “Salama monpera” mi giro e vedo Angelo. A fatica tratteniamo la risata io e Suor Jacqueline. Fuori vicino al minibus c’era la coppia francese ad attenderci, per fortuna declinano l’invito a cena fatto loro la mattina in spiaggia e ci danno appuntamento alle 9.00 del giorno successivo.

Cena e tutti a nanna.

11 settembre 2009

Ultimo giorno a Fianarantsoa, domani si parte per Tanà e domenica si torna in Italia.

Stamattina Padre Maurice è venuto a prendere alcuni di noi per andare a visionare un terreno che ha comperato da adibire all’allevamento delle galline ovaiole. Chi rimane si dedica alla pulizia della casa, seguendo il buon esempio del nostro Mastrolindo Giovanni che alle 5.30 del mattino, instancabile, rassetta, pulisce, disinfetta, lava pavimenti, sgrida bambine che scendono dalle scale bagnate…il tutto sotto gli occhi increduli e sgranati di alcuni ragazzi della casa che placidamente fanno colazione.

Sugo pronto, spaghetti già buttati e all’improvviso ecco l’arrivo di 7/8 ospiti inattesi.

Agitazione generale “basteranno gli spaghetti per tutti?” ma in realtà come nella parabola dei due pani e cinque pesci, quando si accoglie con il cuore l’altro il cibo non manca mai…e infatti esce dalla cucina Pocheretti con vassoi di verdure e pane.

Ancora una volta sono di fronte alla generosità di questo popolo che in silenzio si organizza e ci insegna il valore dell’ospitalità e dell’amicizia.

Amicizia nei nostri confronti coltivata al di là di tutto, al di là delle cose materiali. A noi lasciano i calcoli, quanto si guadagna, quanto si perde, loro hanno l’amore che è un bene così prezioso che nessuno dei nostri conti correnti può comperare.

L’emozione che ho provato abbracciando Nirina all’aeroporto e Hanitra ad Ambositra, la gioia dell’incontro con Padre Maurice,lo stupore davanti agli occhi di Rosafy nel villaggio di Ambatoiory che mi hanno riconosciuto e fatto festa, mi hanno confermato il motivo del mio ritorno dopo due anni in questa lontana e meravigliosa terra dolorosamente povera: l’incontro con degli amici.

E ancora una volta davanti a questo viaggio esperienza di vita dove unica precisa e puntuale con più di 46 Kg di bagaglio torno con 10 volte di più di quello che ho dato: la testa piena di pensieri che aiutano ad aprire nuovi orizzonti e il cuore colmo di emozioni raccolte in questi giorni. Volti, sorrisi che custodirò gelosamente dentro di me.

Veluma!

Cinzia

12 settembre 2009

Oggi è il giorno del trasferimento da Fianarantsoa alla capitale, 400 Km di strada, 11 ore di viaggio in pullmino con 2 soste: la prima ad Ambositra per comprare ancora qualche oggetto di artigianato e la seconda ad Antisirabè per il pranzo in ristorante.

Ho tutto il tempo per ripercorrere con il pensiero e con il cuore quest’esperienza, unica nella mia vita per la sua forza e la sua bellezza.

Il desiderio di compiere questo viaggio è scaturito in me da quando Andrea è tornato dal Madagascar nel 2007. Mi ha raccontato con entusiasmo la sua esperienza, ha realizzato con un lungo lavoro un CD attraverso cui ho conosciuto paesaggi, modi di vita, persone che ha incontrato. Ho conosciuto i suoi compagni di viaggio con cui abbiamo stretto rapporti di amicizia. Abbiamo avuto il piacere di ospitare Padre Maurice quando è venuto in Italia, a Milano, alla fine del 2007. Il Madagascar è entrato così poco a poco nella nostra vita familiare. Quando ho deciso di venire in Madagascar pensavo di sapere quello che mi aspettava ed avevo anche paure di affrontare certe situazioni di disagio o di incontrare realtà dolorose ed anche drammatiche. Il primo impatto con una realtà di povertà diffusa dappertutto e di degrado è stato duro. Ho visto però ricorrente nei comportamenti di molti malgasci che ho incontrato valori come la condivisione, l’accoglienza, l’amicizia, la dignità della persona anche nella povertà, la fede in Dio. I miei compagni di viaggio mi hanno dato la forza e l’aiuto per vivere serenamente questa esperienza.

Ringrazio Andrea, che è stato al mio fianco, come sempre presenza silenziosa ma attenta e rassicurante.

Giulia 

13 settembre 2009

Siamo arrivati al giorno della partenza, tra poche ore saliremo sull’aereo che da Tanà ci riporterà tutti a Parigi, per poi volare su Milano.

L’ultimo giorno trascorso in Madagascar è iniziato con la messa celebrata da Padre Pedro ad Akamasoa. Quattro anni fa era stato l’inizio del mio viaggio personale, oggi forse la chiusura?  L’inizio di uno nuovo. Una celebrazione che ho vissuto in solitudine e che ha lasciato spazio alle mie preghiere personali, ai miei pensieri, ma non è ancora arrivato dentro di me il momento della conclusione, delle considerazioni su questo viaggio, è come se ancora non riuscissi a sentire vicina l’ora della partenza, m soprattutto mi è strano pensare di dover salutare, abbracciare delle persone che sento far parte della mia vita, membri di una grande famiglia e non sapere se e quando potrò ritrovarli.

La giornata è passata velocemente, tra pranzo, breve incontro con dei proprietari terreni di Fianarantsoa, e mercato dell’artigianato per gli ultimi acquisti.

Mi sento di dover ringraziare tutti i miei compagni di viaggio, che ho imparato a conoscere  poco alla volta, giorno dopo giorno. Che tanto mi hanno fatto sentire me stessa, senza finti veli, ma che soprattutto hanno capito i miei bisogni, sia di solitudine, di ritiro in me stessa, sia di ridere e sdrammatizzare.

Grazie a questi amici dai quali non mi sono mai sentita giudicata per i miei gesti.

Grazie a questa terra meravigliosa e alla sua gente, dalla quale ho sempre tanto da imparare sulla loro forza di condivisione.

Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questo viaggio e che con il cuore aperto mi hanno accolto.

Ma soprattutto grazie a chi resterà al mio fianco, agli amici che mi accompagneranno nel cammino della vita.

Un bacio a tutti.

Cinzia

14 settembre 2009

A 1.400 km da Parigi, a poco meno di due ore dall’atterraggio mi ritrovo questo diario in mano accanto a Cinzia e Giovanni.

Abbiamo appena lasciato il cielo di Palermo ed eccomi dunque di nuovo a casa. Non tocca a me scrivere il diario di oggi. Mi scuso con i miei compagni di viaggio per questa intrusione. Ho paura di essere lungo come al mio solito.

Vado subito al sodo.

Ho preso questo diario in mano ed ho letto alcune pagine di queste esperienze di vita trascorse in Madagascar dal 30 agosto ad oggi 14 settembre. Forte è stata l’emozione del leggere la quantità di vita percepita da ognuno di noi.

Intensa è stata la mia partecipazione interiore ieri durante la Messa celebrata da Padre Pedro. La parola di Dio che usciva dalla sua bocca si trasformava istantaneamente in sale della vita e per la vita per tutte le persone presenti. Non posso spiegarmi diversamente tutto ciò che ho visto.

La partecipazione intensa e sentita di ognuno di noi. Il movimento delle mani, un movimento dolce, attento. Come se dovessero accogliere ed accarezzare Dio. I canti, forti, vivaci, sentiti, voluti, naturali. Le danze, i corpi che si muovono a ritmo di musica. Anche qui, un movimento naturalmente dolce. Sembrava di vedere quei corpi danzanti quasi cullati. L’attenzione, la partecipazione alla Messa. Una condivisione sentita, naturale. Un qualcosa che fa parte della vita, non un rito, una procedura da rispettare noiosamente e passivamente. 

Non so perché ma la partecipazione alla Messa di ieri a Akamasoa è stata per me molto più sentita ed emozionante rispetto alle volte scorse.

Cinzia nel suo racconto di ieri ha ringraziato i compagni di viaggio per averle permesso di sentirsi se stessa.

Ecco, ritengo che questa esperienza abbia dato ad ognuno di noi l possibilità di essere noi stessi, di vivere e condividere questa avventura. Anch’io dunque vorrei ringraziare tutti voi per l’amicizia donatami e per aver aperto insieme i nostri cuori. Auguro ad ognuno di noi un ritorno sereno alle nostre case con l’augurio ulteriore che questa esperienza possa validamente guidare ogni nostro agire quotidiano.

Un abbraccio forte ad ognuno di voi e un arrivederci presto.

Domenico

Diario del viaggio del 2009 in Madagascar – primo gruppo

Luzzana, 11 agosto 2009

E’ con gioia, come dice Padre Gianluigi, che apro questo piccolo ma importante quaderno per augurarvi un viaggio ricco e denso di cose di valore. Purtroppo non lo condivido con voi, ma per l’intenso coinvolgimento familiare mi pare di essere lì e non potrò non pensarvi in ogni momento.

Credo che ogni giorno vi riserverà grandi  emozioni fatte di incontri, di paesaggi, di pensieri, di parole e di silenzi. Sarò con voi in modo speciale il 22 agosto, quando verrà inaugurato l’acquedotto dedicato a Samuele. Fissare la targa alla fontana sarà un gesto semplice, ma dietro, quanti pensieri e sentimenti…a partire dal libro “Samuele, tu che conosci il cielo”. Quando, poco dopo che ci aveva lasciato, ho cominciato a scrivere ciò che il mio cuore non riusciva a contenere, quasi uno sfogo a quell’immenso dolore, non pensavo potesse essere di aiuto ad altre situazioni di sofferenza. Le copie se ne sono così andate velocemente, ma non il dolore. Un unico modo per lenirlo: condividerlo. Così dopo 4 anni, il libro viene ripubblicato, dandogli però un senso diverso, come diverso è il tempo del dolore. Ecco l’iniziativa di solidarietà che lo accompagna: un acquedotto in Madagascar.

Questa è la terra lontana che abbiamo nel cuore, non solo perché Padre Gianluigi è nostro cugino, e quindi abbiamo accompagnato il suo cammino fin dal primo giorno, quando, giovane sacerdote, è stato mandato là…tanti i racconti e le foto che la sua mamma Maria ci ha trasmesso negli anni della missione. Lui stesso aveva invitato Samuele, in piena chemioterapia quel giorno di ottobre, ad andare in Madagascar, e gli occhi di Sem si erano accesi rispondendo: “Sì, ci vengo quest’estate.”  Il suo destino era però quello di un altro viaggio. Damiano ha raccolto il suo desiderio, e tre anni fa, sempre con Padre Gianluigi, ha conosciuto il fascino e il mistero malgascio. Quasi scontato, quindi, che la solidarietà fosse rivolta qui. Padre Gianluigi ha accolto con entusiasmo l’idea, cogliendone la duplice forza: far conoscere Samuele attraverso il Madagascar,e l’associazione Unico Sole attraverso Samuele. Un ponte, un arcobaleno che unisce i cuori, ma i dolori, le pene di persone lontane, ma ora più vicine e fraterne.

La sfida è partita a dicembre ed è stata subito una gara ad acquistare il libro e dare una personale offerta, piccola o grande, comunque goccia preziosa. Accanto alle offerte dei singoli, le iniziative di coinvolgimento: la serata di presentazione del libro, la messa di anniversario di Sem, il torneo di calcio, la festa della scuola, la madascarpinata, la lotteria in casa di riposo. In otto mesi, sono stati raccolti i 13.000 euro necessari. Al di là della cifra, pure importante e necessaria, resta una grande consolazione: il seme che muore può portare molto frutto.

A Gianni e Letizia, ambasciatori della famiglia, e a Rosa, ambasciatrice di Luzzana, il compito di portare attraverso l’acqua, il sorriso di Sem a tante persone. A tutti l’augurio di un viaggio ricco di amore.

Giulia

In aereo, 12 agosto 2009, ore 8.37, ora italiana

Ormai tra un’oretta atterreremo in questa terra rossa malgascia.

Prima di tutto voglio ringraziare Giulia che amo infinitamente, per l’emozione, l’amore, la tenerezza e l’entusiasmo che è riuscita a trasmettere, non solo a ma ma anche a tutti voi, cominciando da Letizia. Che dire, di certo non avrei m i immaginato la bellezza di questo viaggio che è cominciato con un po’ di paura e adesso che siamo quasi arrivati mi sento bene e carico per questa avventura. Samuele ne sarà sicuramente orgoglioso.

Essere con voi, con Giangi, mi entusiasma e voglio vivere tutti i giorni in pienezza non solo materialmente ma ancor di più spiritualmente. Ho già visto in questa prima giornata che ci sono tutte le premesse per poterlo fare. Portate pazienza se non sempre sarò al top, mia cognata Valeria mi dice che voglio essere sempre il primo per cui mi devo impegnare. Grazie a Sem, Rosa, Giangi, Lara, Federica, Simone, Gisella, Clara, Shanti, Tiziana.

Un forte abbraccio a tutti.

Buon atterraggio. A presto.

Gianni

13 agosto 2009, ore 15 malgasce

Sono mesi che parlavo a tutti di questo viaggio, di quello che andavo a fare e di quello che mi aspettavo, ma non sono passate nemmeno 24 ore da quando ho messo piede in questa terra, che subito ho dovuto eliminare tutto quello che avevo appreso in questi mesi da varie testimonianze, filmati e fotografie di chi prima di me, aveva già vissuto.

Ho dovuto cancellare tutto dalla mia mente, per poter far posto a quello che in poche ore ho potuto vedere con i miei occhi, perché sembra una frase fatta, ma mai come questa volta posso dire che vivere le cose direttamente assume, sotto tutti i punti di vista, un altro significato.

Non potrà mai bastare una lunga chiacchierata con chi ci è già stato e cerca di farti capire certe cose, non potranno mai bastare tutti i vari filmati riportati in passato o le centinaia di fotografie raccolte in questi anni. Ecco, tutte queste cose non potranno mai e poi mai sostituire l’emozione che si prova di fronte al sorriso di uno solo di questi bambini,perché è incredibile con quanta forza, entusiasmo e gioia, cerchino di farti sentire tutta la voglia di vivere che si legge nei loro occhi.

Stamattina abbiamo incontrato Padre Pedro, anche lui come altri, grande uomo di cuore che ha dedicato gran parte della sua vita, e lo fa tuttora, per la lotta contro la miseria, la povertà di questo popolo ferito nel modo in cui ogni giorno deve lottare per procurarsi il cibo sufficiente non per star bene, ma per vivere! La vita, appunto, un dono di Dio, che tutti hanno il diritto di vivere quantomeno dignitosamente.

Rimanendo a Padre Pedro,ha pronunciato una frase che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni: “ NOI NON FACCIAMO LA CARITA’, FACCIAMO QUELLO CHE DOBBIAMO.”

Mi fermo qui, visto che dovrei raccontare quello che ho potuto vedere osservando i bambini lavorare quasi quanto un adulto nella cava, o i bambini che alla ricerca di non so cosa giravano scalzi sopra una vera e propria montagna di rifiuti in quella che è un’immensa discarica. Mi fermo, sperando almeno in parte di aver fatto capire anche a voi, miei splendidi compagni di questa spero indimenticabile esperienza, (e lo resterà di sicuro) quello che ho provato in questo nostro primo giorno in questa splendida e ricca isola di nome Madagascar!!!

Buona continuazione.

Simone

Tanà, 14 agosto 2009

Ed eccomi qui sul terrazzino dell’albergo ad ammirare il panorama della capitale che con il buio della notte sembra voler nascondere un arealtà sofferente percepita in questi giorni.

Riflettendo su ciò che ho visto ieri ed oggi mi pongo questa domanda: “Come può una persona vivere serenamente non sapendo se quel giorno mangerà o se il giorno dopo ci sarà ancora?” Eppure la gente malgascia ci insegna a godere e ad assaporare ogni istante della vita! Gesù infatti dice: “ Beati voi poveri perché vostro è il regno di Dio!” oggi la giornata è iniziata in un modo un po’ traumatico: un malgascio, amico di Giangi, è venuto a cercarlo in albergo per comunicargli che il proprio figlio era appena morto; e qui ritorno alla mia domanda: “Come si può vivere in questa continua sofferenza?” forse la risposta sta nella fede in un Dio che infonde forza, coraggio e speranza, certo a volte è difficile comprendere i disegni che Dio ha su ognuno di noi. La giornata è continuata poi al mercato dell’artigianato, seguito poi dalla visita al parco dei coccodrilli, molto divertente. Chi l’avrebbe mai detto che un giorno avrei assaggiato la carne di coccodrillo?

Ma il momento più divertente è stato il ritorno verso l’albergo durante il quale Gisella ha dato il massimo….che risate!!!

La giornata si è poi conclusa con la cena in compagnia di un personaggio politico che si occupa della sanità che ci ha un po’ delineato e spiegato la situazione disastrosa del Madagascar. Concludo il diario di questa giornata ringraziando tutte le persone che stanno condividendo con me questa meravigliosa esperienza perché con le loro parole e le loro riflessioni mi aiutano a percepire e a cogliere questa dura realtà malgascia.

Letizia

Tanà, 15 agosto 2009

La giornata di oggi è stata “carica” di sensazioni e di emozioni: si è aperta questa mattina con la partecipazione alla S. Messa, tutti riuniti nella cava sotto un cielo un po’ nuvoloso…e si è conclusa in riva al mare…sotto ad uno splendido cielo stellato.

L’impatto con la realtà della cava è stato decisamente diverso rispetto a quanto provato giovedì…da luogo di lavoro, di fatica, a luogo di festa e di ascolto della parola di Dio. In tanti mi avevano raccontato di queste celebrazioni, così diverse dalle nostre, ma diverso è vederle e viverle di persona. Insieme ad un po’ di commozione, tante le sensazioni provate…fatico a trovare le giuste parole per esprimerle..

Sicuramente mi hanno colpito i canti,le danze, l’entusiasmo e la partecipazione di tutti, grandi e piccoli.

Mi colpisce la forza di queste persone, i sorrisi dei bambini che si incontrano per strada…che scaldano i cuore.

Ho visto l’entusiasmo di Padre Pedro e Padre Gianluigi che hanno concelebrato la S. Messa, la “carica” e la forza che cercano di trasmettere a queste persone, dando sempre uno spiraglio, nonostante le difficoltà che inevitabilmente si incontrano.

Dopo la S. Messa ci siamo spostati verso l’aeroporto per venire a Tulear e, dopo un avventuroso viaggio in jeep, siamo arrivati in uno splendido villaggio in riva al mare dove abbiamo potuto fermarci e riunirci sotto un cielo pieno di stelle. E, personalmente, sentirmi infinitamente piccola di fronte all’immensità e alle bellezze del creato!

Ognuno con i suoi pensieri, desideri,con la propria storia, ma..tutti sotto ad uno stesso cielo!!

Vi ringrazio per questi primi giorni di viaggio, intensi, carichi di condivisione..premessa di un viaggio che rimarrà certamente indelebile in me.

Buona continuazione!

Tizi

Tulear, 17 agosto 2009

Ora lo posso dire: “ Il mio sogno si è avverato”. Da anni sognavo un viaggio nella terra africana e il momento per compierlo è arrivato. Penso che questo sia uno dei regali più belli che i miei genitori mi potessero fare e non smetterò mai di ringraziarli. Sono molto entusiasti dell’esperienza che sto vivendo qui in questa terra malgascia e cercherò, tornata a casa, di condividere il più possibile con loro quello che porterò nel cuore. Sento molto forte la vicinanza di parenti e amici che mi accompagna ogni giorno, anche se la distanza che ci divide è molta: quello che mi unisce a loro è il forte amore e la forte amicizia.

Sto vivendo molte emozioni indescrivibili che rimarranno incise nel mio cuore. Sicuramente non dimenticherò le messe celebrate con i nostri amici malgasci dove i canti rispecchiano la grande fede che tutti hanno. Sia ieri che da Padre Pedro ho sentito veramente Gesù in mezzo a noi, mi sono avvicinata tantissimo al cielo e alle persone che da lassù mi proteggono. Inoltre già fisse nella mia mente sono le meravigliose immagini del cielo stellato del tramonto e del vento che sposta i piccolissimi granelli di sabbia cambiando ogni giorno il paesaggio.

Concludo la mia pagina di diario ringraziando tutti voi di cuore, per la festa organizzata ieri mattina. Mi sono veramente emozionata e non scorderò questo compleanno trascorso con la mia nuova famiglia in questo paradiso terrestre. Ringrazio ancora tutti e spero non finisca mai la condivisione di esperienze che ogni giorno ci raccontiamo. Buona continuazione.

Lara 

Tulear, 17 agosto 2009

Sono molto felice di essere in un posto meraviglioso, già sto pensando come sarà la mia vita dopo questa esperienza, dopo quello che ho visto in mezzo a questa gente povera che non ha niente eppure sono più felici di noi, sono loro che danno forza a me, soprattutto i bambini che ti danno la mano come se ti conoscessero da sempre. Stamattina ho visto una mamma con il suo piccolo, ci hanno ospitato nella loro casa misera senza niente, peggio dei nostri pollai. Sono rimasta molto scossa, volevo fare qualcosa ma non sapevo cosa fare, solo pregare Dio che li aiuti a vivere meglio.

Buona continuazione.

Rosa 

Tulear, 18 agosto 2009

Oggi giornata di trasferimento, da Tulear attraverso il parco dell’Isalo. Prima di vivere questa giornata pensavo che la pagina di diario che avrei scritto avrebbe riguardato emozioni ed incontri dei giorni scorsi, tanto è “una tappa di spostamento e basta” mi dicevo. Ma quaggiù niente è quello che ci si aspetta. Alla fine di questa giornata mi trovo a ritenerla un sunto di quella contraddizione propria di questo mondo, e in particolare, della mia vita. Mi spiego meglio. Oggi lungo il tragitto abbiamo avuto modo di vedere ed incontrare ancora una volta la povertà e la miseria della gente che vive in questa terra, dai produttori di grappa ai cercatori di zaffiri che rischiano ogni giorno la propria vita per poter sfamare se stessi e le proprie famiglie. Oggi lungo il tragitto abbiamo visto anche la bellezza di un hotel a cinque stelle, costruito ovviamente dai “vasa”, non per i malgasci. Abbiamo visto la ricchezza di un negozio per il commercio degli zaffiri, fatto per gli stranieri e non per i malgasci. Il viaggio termina in un piccolo residence, illuminato, pulito, con piscina. Mi ritrovo a pensare, dopo una doccia fatta qui, che è bello sentirsi profumati. Provo un po’ di vergogna di fronte a questo pensiero, accorgendomi che in fondo ciò che vedo e che mi turba, che tocca il mio cuore a volte quasi da far male, mi è ancora tanto lontano, è sopportabile perché so che tra qualche giorno tornerò alla mia vita. Certo, non sarà come prima, adesso certe realtà le ho vissute con i miei occhio. Ma in tutta onestà, che abisso tra la mia esperienza e quella delle due figure che più mi sono tornate alla mente in questi giorni: San Francesco e Madre Teresa di Clacutta. E forse è proprio per questo che questo viaggio rappresenta una tappa fondamentale, una di quelle in cui ci si ferma a riflettere, che portano consapevolezza e cambiamenti. Un po’ come alcuni compleanni….

Termino ringraziando di cuore tutti voi, perché ci siamo scambiati profonde esperienze di vita e perché la condivisione e serene risate hanno caratterizzato questa prima settimana.

Buona continuazione e grazie in particolare per l’affetto che mi avete dato.

Vi abbraccio.

Federica

Fianarantsoa, 19 agosto 2009

“Un samaritano, che era in viaggio,passandogli accanto, lo vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite e si prese cura di lui.”

Quanto è bello potersi prendere cura di un altro! Oggi ho sperimentato una forte sensazione nel donare indumenti nuovi, puliti, ai carcerati di Ihosy. Ho capito che non è importante chiedersi come, quanto o se basterà, se sarà sufficiente; ciò che importa è esserci ed avere il cuore puro essendo a servizio di un altro essere umano, più ricco o più povero di me, che importa? Comunque è diverso da me e merita la mia accoglienza, le mie riverenze.

Sant’Ignazio di Loyola dice che amare e stare nell’amore di Dio significa lodarlo, adorarlo e riverirlo… e com’è possibile se non si comincia coi fratelli e le sorelle che abitano la terra?

Mi ha meravigliato che la maggior parte dei detenuti avesse commesso piccoli reati come aver rubato 5 polli o non avere ubbidito al padrone e dovessero scontare 2 mesi o 1 anno. In Italia potrebbe sembrare una barzelletta..ma non fa ridere. Se penso che chi ha ucciso Francesco è a piede libero, insieme a tanti altri delinquenti di cui non si conosce nemmeno l’identità, a spargere chissà quanta sofferenza ancora, credo che sia una ingiustizia enorme, impossibile da accettare!

A pranzo abbiamo conosciuto la bella famiglia di Renè, che ci ha poi fatto visitare il suo allevamento di galline ovaiole e maiali. È stato un incontro prezioso perché mi ha permesso di vedere concretamente come l’uomo di buona volontà, se appoggiato e sostenuto, giorno dopo giorno possa far fruttare i propri talenti per sé, per la propria famiglia e per la propria comunità. Sì, anche qui è possibile. Abbiamo anche conosciuto i due gemellini dei parenti di Renè. Avevamo saputo dal Padre di Tanà che il terzo purtroppo era morto…mi sono spupazzata un po’ la femminuccia di appena due mesi e mezzo, un fagottino dolce e ancora una volta mi sono venuti in mente i miei bimbi…devo dire che scorgere gli sguardi dolci dei bimbi che si fermano per un attimo nel mio m’infonde tanto calore e in questo momento di lontananza dai miei affetti mi è di grande incoraggiamento

Concludo pregando il Signore che ognuno di noi possa sentiesi sempre di più parte di questo bel gruppo che siamo!

Grazie a tutti!

Shanti

Fianarantsoa,20 agosto 2009

Dopo giorni di viaggio finalmente un giorno di meritato riposo.

Dal cielo al mare, dal mare alle montagne, dalle montagne alla savana e oggi eccoci qui a lavarci i nostri indumenti e non solo…

Mentre ero affaccendata non facevo altro che pensare all’esperienza della visita al carcere che mi ha lasciato il cuore spezzato e mi chiedo “Dio dov’è?”

Attraverso il loro canto chiedevano perdono a Dio e questo è stato per me un messaggio di speranze che però non è riuscito a togliermi l’angoscia di quello che i miei occhi hanno visto.

Oggi pomeriggio passeggiando con tutti gli altri per le vie della città siamo arrivati ad un lunapark.

Qui c’erano tanti bambini che guardavano la giostra che girava vuota. A questi bambini abbiamo offerto un giro e con grande gioia sono salita anch’io insieme a loro. Mi sono lasciata coinvolgere dall’emozione e dal loro entusiasmo trascorrendo 10 minuti di spensieratezza, gioendo con loro.

L’incontro serale con Padre Maurice e Padre Roger mi ha coinvolto e interessato per tutto il loro impegno, per i loro progetti in parte realizzati, e altri da realizzare. Questo mi ha aiutato a capire meglio come vengono utilizzati i contributi versati all’associazione UNICOSOLE.

Ringrazio tutti per l’affetto che mi state dimostrando.

Buona continuazione.

Gisel

Fianarantsoa, 21 agosto 2009

Sono stato preso alla sprovvista, mi “hanno” offerto volontario per la stesura del diario giornaliero, ed eccomi qua a scrivere di getto come mio solito sensazioni e speranze che si rincorrono in questo viaggio.

Sant’Ignazio di Loyola scriveva che chi non viaggia ha letto solamente una pagina del libro della vita.

Il Madagascar e gli amici malgasci sono per me parti importanti di questo libro, pagine di disperazione e sofferenza che si aprono davanti ai miei occhi. Una sofferenza che a voce provoca un senso di frustrazione davanti a semplici richieste che non sempre possiamo esaudire, sofferenza di un popolo che leggo nei loro sguardi scintillanti ma a volte tristi.Ma nel contempo nei loro sorrisi leggo la speranza e per questo diventano preziosi come perle. A volte vedere dinanzi a noi tanta sofferenza provoca un senso di smarrimento e dolore, ma è il prezzo che dobbiamo pagare per una maggiore consapevolezza che al ritorno alle nostre case spero si tramuti in voglia di costruire insieme un futuro di speranze per gli amici malgasci e per tutte le persone sofferenti.

Oggi siamo andati a prendere visione di un progetto che ci propone l’Associazione Rainay, come sempre sono stato sorpreso dall’ospitalità che ci ha offerto questo popolo timido e fiero.

La mattina era iniziata con un colloquio con Padre Maurice e Michel,presidenti delle due Associazioni nostre partners in cui ho avuto l’opportunità di ribadire quelli che a mio vaviso sono punti cardine del modo di gestire i nostri rapporti.

Il primo, a mio avvisso, il più importante, è che lo scopoi primo della nostra Associazione è rendere loro consapevoli che dando a loro i giusti mezzi, possono fare le stesse cose di noi “vasa”, anzi meglio perché saranno fatte alla malgascia.

Il secondo punto,è che, nonostante chilometri di mari e terra ci dividano, noi cercheremo di essere sempre al loro fianco e ciò ci rende vicini di casa.

Un’ultima considerazione prima di concludere: ogni anno al mio rientro in Italia dico “sarà l’ultimo”, ma un filo invisibile ma resistente come l’acciaio mi lega a loro, e ormai regolarmente viene riavvolto. Questo filo si chiama amore.

Fabio

Fianarantsoa, 22 agosto 2009

Inizio con il ringraziare Dio per questo giorno indimenticabile, colmo di amore, gioia e speranza. Mai come ora avevo sentito Sem così vicino, lo ritrovavo nei sorrisi dei bambini, nella loro voglia di vivere, nello sguardo pieno di affetto di mio papà, nelle strette di mano e negli abbracci così teneri dei miei compagni di viaggio.

Ogni goccia che sgorgherà da quelle 10 fontane parlerà di noi, della mia famiglia e di tutti coloro che in un modo o nell’altro ci sono vicini. Il sogno di Sem era quello di venire e conoscere la gente della terra rossa del Madagascar e sono convinta che il suo sogno si sia realizzato oggi, lui era lì fra noi, era in quell’acqua che così ptreziosa rallegrava tutta la gente! Il seme che cade nella terra buona da frutto ed è proprio oggi con questo gesto di solidarietà che ho scoperto il disegno che Dio ha su di me. Così di ritorno a Luzzana mi impegnerò per creare questo gemellaggio tra Luzzana e Ivondrana, una sorta di ponte, di arcobaleno, che unisce i cuori.

Un grazie speciale va anche a Giangi che ci ha dato l’opportunità di vivere questo giorno così speciale. Grazie di cuore a tutti voi miei compagni di viaggio perché oggi vi ho sentito molto vicini ed è strano perché vi conosco così poco eppure sento che c’è un legame forte che ci unisce.

Letizia

 

Ciao Sam, ancora una volta sei riuscito a darci un bel daffare.

Mi hai fatto venire in Madagascar nonostante le mie paure e le mie ansie.

In questo giorno così speciale abbiamo portato con tanto affetto il tuo sorriso. Ringrazio prima di tutto Dio che mi ha fatto il grande dono della tua vita e..che vita!!!una vita piena e meravigliosa capace di stupire e stupirci come oggi con i nostri fratelli malgasci.

Grazie a te, alla mamma e Letizia e Damiano, a Giangi, Rosa e a tutti gli altri compagni di viaggio mi sono fatto una bella ricarica di amore e voglia di vivere.

Osservando questo popolo, così semplice ma profondo, povero ma ricco di grazia, ancora poco istruito ma con tanta voglia di imparare, desideroso di affetto ma anche pronto a ricambiarlo.

Signore che sei speciale compagno di viaggio di Samuele aiutami ad essere sempre una fonte di acqua viva per tutte le persone che incontrerò sul mio cammino.

Grazie ancora a tutti.

Con affetto

Gianni 

Fianarantsoa, 23 agosto 2009

Questa mattina al risveglio non mi sembrava vero di essere qui e soprattutto di avere dormito tranquilla!!

E’ stata una domenica di festa, iniziata con una buona colazione e seguita da un momento di preghiera tutti insieme. Durante le riflessioni mi ha colpito Gianni e il sentimento profondo di amore verso la sua famiglia e verso gli altri.

Mi sento vicina al loro dolore, che riescono ad esprimere con grande forza e spirito.

Poi ci siamo avviati per la S. Messa dai monaci. E’ stata una cerimonia molto sentita con la partecipazione sia nostra che loro. Mi hanno colpito i loro canti, la partecipazione gioiosa della gente, che sono riusciti a trasmettermi. Purtroppo in questa domenica che si preannunciava di festa, Padre Maurice ci ha invitato nella sua piccola casa per darci una brutta notizia: la morte dell’amata sorella. Non avevo parole per esprimere la mia vicinanza al suo grande dolore.

A pranzo ci siamo incontrati con la delegazione dell’Associazione Rainay e con tutte le persone che ruotano e lavorano attorno ad essa.

E’ stato bello trovarsi tutti insieme…eravamo una grande famiglia.

Abbiamo gioito tutti insieme, ballato, socializzato con loro. Malgrado la diversità di vita e di cultura, ho capito che siamo tutti sotto lo stesso cielo!

Clara 

Fianarantsoa, 24 agosto 2009

Ormai abbiamo già trascorso più della metà di questo meraviglioso viaggio, e prima di descrivere le considerazioni di questa giornata, vorrei sottolineare il fatto che se questo periodo che sto trascorrendo in Madagascar rimarrà impresso per sempre nel mio cuore e nella mia mente è anche merito di voi magnifici 11 compagni di viaggio, a partire da Giangi nostra guida e padre di questo grande famiglia. Detto questo, il programma di oggi prevedeva l’inaugurazione della scuola nel paese natale di Padre Maurice ad Ambatoteraca. Paese che, purtroppo, in questi giorni era vestito a lutto per l’improvvisa scomparsa dell’amata sorella di Padre Maurice. La giornata era perciò cominciata all’insegna dell’allegria. Infatti, dopo 3 ore di strada (chiamiamola così…) siamo giunti nei pressi di Mahaditra, dove ad accoglierci abbiamo trovato un gruppo di ragazzi in sella alle loro bici. Dopo veloci presentazioni, ci siamo avviati verso il paese, scortati da questi giovani corridori, dove ad aspettarci abbiamo trovato l’intero paese in festa. Subito, però, il clima si è trasformato da gioioso a triste, in quanto siamo andati a far visita alla defunta sorella di Padre Maurice. Due dei momenti più tristi della giornata, il primo quando Padre Maurice è uscito in lacrime dalla camera dove era posta la salma della sorella e mi ha colpito con quanta forza, con le lacrime ancora agli occhi, lui ringraziava noi della nostra presenza e invitava tutti a trasferirci presso la scuola per l’inaugurazione. Il secondo momento, e sicuramente anche il più toccante, è stato quando al termine della S. Messa, con urla strazianti una delle figlie della defunta ha raggiunto il cortile dove eravamo e, sorretta da altre donne, ha poi raggiunto, quasi strisciando, il punto dove la salma della madre era posta. Ho sempre pensato che sentire parlare di qualcosa non è mai come viverla direttamente, ed è per questo che davanti a quella scena, non ho potuto far altro che scoppiare in lacrime, in quanto, avendo vissuto personalmente la stessa situazione, mi sentivo anch’io parte di quel dolore immenso che può dare la scomparsa di una persona cara come la mamma.

Ora veniamo alla festa. E’ incredibile con quanta forza e allegria queste persone diano il meglio di loro per ringraziare e per farci sentire, almeno per un giorno, un po’malgasci. E per fortuna Padre Maurice ci ha detto che la festa era stata ridotta in segno di lutto. Anche questo dimostra quanta gioia e allegria questo popolo ha dentro il cuore, pronte ad esplodere in ogni momento. Si è poi proseguito con i rituali della cerimonia di inaugurazione della scuola. La scuola, appunto; luogo di formazione di bambini che sono il futuro di questo posto e che, con l’aiuto del Signore, saranno loro, un giorno, a portare avanti in maniera si spera giusta e onesta, seguendo gli insegnamenti di Dio.

Grazie ancora a tutti voi, miei compagni di viaggio e che il signore continui a vegliare su di noi come ha fatto finora.

Buona continuazione.

Simone

Fianarantsoa, 25 agosto 2009

Inizio questa pagina di diario ringraziando il Signore Nostro Dio per i doni stupendi che mi ha concesso, in particolare questa esperienza di vita. E’ uno dei tanti insegnamenti che sto ricevendo dal popolo malgascio: riscoprire che ogni giorno ciò che compiamo e realizziamo è dono gratuito e non va dato per scontato.

Sento un po’ la fatica di questa giornata, il lungo spostamento col pulmino per raggiungere i tre villaggi (Ambohimanga, Ambositra, il villaggio di Fenu) ed incontrare gli abitanti. Ma mentre scrivo mi vengono alla mente le fatiche che ogni giorno tutti, in questa terra lontana, compiono per poter avere il loro pane quotidiano: i bambini che devono percorrere 7 Km al giorno per andare a a scuola ed altrettanti per tornare; i bambini che perdono due giorni di studio (il sabato e la domenica) per tornare alle loro case per prendere il cibo della settimana; i genitori che lavorano per coltivare riso e nonostante gli sforzi riescono a malapena ad ottenere quel po’ che basta a sostenere un bambino. Sono solo alcuni degli esempi che possiamo trarre da quanto abbiamo visto in questi giorni. Di fronte a tutto questo, non ho certo il diritto di lamentarmi. Più di una volta oggi sono rimasta ulteriormente spiazzata dalle attenzioni e dalla sensibilità che stiamo ricevendo da persone che si trovano in grande difficoltà economiche. Dal cibo offerto nel villaggio interessato dal progetto per la costruzione di una scuola media e di cui loro, che hanno difficoltà a nutrire i propri figli, si sono scusati perché sanno che “non è cibo per nipoti di vasa”. Allo spuntino offerto al villaggio di Fenu e allestito nel cortile perché il tempo a disposizione era poco (loro avevano pensato a ben altra accoglienza). Al pranzo presso la casa di Michel ritardato da noi di quasi tre ore, rimandando così anche il pasto di tutti coloro che ci aspettavano dal mattino e, ciò nonostante, ci hanno accolto, come fanno sempre i malgasci, con gioia e calore. Al menù del pranzo pensato appositamente per noi.

Oggi mi sono soprattutto sentita investita di una grande responsabilità: nel corso dei ringraziamenti legati alle attività di sostegno ai ragazzi siamo stati paragonati ai 12 apostoli. Più tardi abbiamo avuto modo di scherzare tra di noi su questa definizione,ma sinceramente in quel momento non mi sono sentita degna del, seppur molto lontano, confronto. Quella che è stata formulata come una affermazione si è trasformata in una domanda che mi ha interpellato e mi interpella personalmente.

In che misura lascio spazio nella mia vita alla Parola e allo spezzare del pane?

Curiosamente (ma forse non è questo il termine più corretto) questo episodio ricorda il brano che abbiamo letto e meditato nella preghiera di stamattina: “erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere”.

Buon cammino a tutti e grazie della vostra presenza.

Federica

26 agosto 2008

Eccomi qui, seduta alla scrivania della mia camera nella mia nuova casa, a pensare a tutti i giorni passati in questa terra rossa. Sono tante emozioni vissute e le sensazioni forti che subito hanno colpito il mio cuore. A partire dai sorrisi e dagli abbracci ricevuti dai bambini nei villaggi visitati, dal giorno del mio compleanno, iniziato sotto uno splendido cielo stellato e concluso con una festa a sorpresa, al giorno 22,l’inaugurazione dell’acquedotto in onore di Sem. Quel giorno ero molto agitata fin dalla sera prima e questo perché mi sentivo veramente vicina a Letizia e al resto della famiglia. In questo giorno così aspettato da tutti ho vissuto emozioni talmente forti che qualche lacrima mi è scesa. Ringrazio il Signore con tutto il mio cuore perché il suo volto è sempre presente in tutte le persone malgasce che ho incontrato e nei miei compagni di viaggio ormai diventati la mia seconda famiglia. Una mattina Giangi ci ha chiesto cosa avremmo portato nelle nostre case dopo aver vissuto qui per tre settimane. Io porterò a casa il ricordo di tutte le fantastiche persone che ho incontrato, la voglia e il desiderio di ritornare in questa terra e infine cercherò di prendere come esempio di vita la popolazione malgascia cioè mettere al primo posto nella propria vita l’amore, un amore aperto a tutti coloro che mi circondano e soprattutto a chi avrà più bisogno.

Cercherò di accogliere il prossimo come i malgasci tutti i giorni ci hanno saputo accogliere nei loro villaggi. Mancano ancora sei giorni e spero di viverli a pieno come quelli passati. Ringrazio uno a uno i miei compagni di viaggio perché il loro amore e la loro testimonianza mi hanno arricchito tantissimo.

Grazie a tutti e buona continuazione.

Lara

27 agosto 2009

Il tempo corre veloce, quest’ultim settimana sembra volata..nella mente scorrono veloci immagini e sensazioni dei momenti vissuti in questi giorni così intensi. Non riesco a fermarle tutte…

Siamo stati accolti e abbiamo visitato diversi villaggi, abbiamo inaugurato fontanelle d’acqua, una scuola, ascoltato le esigenze e le richieste di nuovi progetti.

Ho visto tanta povertà arricchita di semplicità, grande fede e tanta umiltà. Mentre viaggiamo mi capita spesso, perdendomi nell’ammirare questi splendidi paesaggi, di pensare al mio modo di vivere, alla nostra società, così profondamente diversa da essere, forse, imparagonabile. Ci si sente impotenti e smarriti di fronte a un bimbo che lavora alla fornace di mattoni, di fronte al fatto che per molti di loro il diritto allo studio è negato o alla necessità e all’importanza di un fontanella d’acqua. O, ancora di fronte a famiglie che faticano ad arrivare a fine giornata, ma che sono pronte ad offrirti tutto quello che hanno pur di farti “sentire a casa”.

E’ sorprendente questa semplicità di vita, il calore e l’ospitalità con la quale ti accolgono.

Mi capita di pensare spesso alla mia casa, alla mia realtà, alla mia famiglia…alle mie fortune!! E ringrazio il Signore per tutto quello che mi ha dato primo tra tutte, l’amore della mia famiglia. Ho negli occhi il sorriso dei bambini e delle persone che abbiamo incontrato, la loro gioia per quanto ricevuto..forse tutto questo è solo una “piccola goccia” che non potrà cambiare totalmente le cose, ma penso che…tante piccole gocce non possono che arricchire il mare!!!

Mettendo un attimo da parte tutte le sensazioni raccolte in questi giorni, la giornata è stata all’insegna del relax…e dopo queste giornate intense…ci voleva!! Questa mattina ci siamo dedicati allo “shopping in Madagascar””!!

Abbiamo fatto un giro al mercato: è stato bello vedere anche questo aspetto, mi è sembrato di avvicinarmi un po’ di più a questa cultura e, come dice Fabio, di assaporare i veri odori malgasci.

La sera siamo stati ospiti a cena da Hanitra e Haja: piacevole momento di incontro/confronto in cui abbiamo avuto la possibilità di conoscerci meglio, anche se la sensazione è stata quella di “sentirsi a casa”. Termino ringraziando il Signore, nostro compagno di viaggio, per questa splendida esperienza, ne torno arricchita. E ringrazio voi, miei ufficiali compagni i viaggio, ed ormai, amici, perché ciascuno di voi, ha, a suo modo, arricchito il mio cammino. Augurandoci di vivere al meglio anche questi ultimi giorni e, una volta rientrati in Italia, di lasciarci interpellare da quanto abbiamo visto per affrontare gioie e difficoltà uotidiane con uno spirito diverso.

Grazie di cuore e buona continuazione.

Con affetto.

Tiziana

28 agosto 2009

Carissimi compagni di viaggio, in questo giorno speciale della mia vita, sono qui a festeggiare con voi il mio 27mo anniversario di matrimonio, è un’emozione grande poter condividere questo pezzetto di vita con delle persone speciali come voi.

Ringrazio il Signore per questo grande dono che mi ha fatto, in Madagascar con i malgasci e con questo gruppo di compagni che ora posso chiamare amici.

L’amore che nutro per Giulia è immenso e lo voglio comunicare anche a voi, il tempo è trascorso così in fretta che mi sembra ancora la vigilia del matrimonio.

Questo amore lo voglio trasmettere anche a voi e specialmente a te, Giangi che sei stato il ministro del nostro sacramento sponsale. Oggi con la visita all’Ospedale malgascio mi sono chiesto come si possibile nel 2009 cadere così in basso. Nonostante la situazione difficile, anche qui siamo stati accolti con grande fede, perseveranza, gioia, ma quella vera, quella che ti entra dentro e non se ne va più se non per fare del bene a tutti quelli che incontri.

Durante la Messa questa sera Giangi ha benedetto il nostro amore, che è stato coronato alla fine con il canto malgascio.

Signore continua a benedire la nostra unione e la nostra famiglia, sta vicino al nostro Sam e aiutaci sempre con la tua grazia in modo che noi possiamo vegliare sempre con le lampade accese nell’attesa dell’abbraccio eterno in Paradiso, con tutti i nostri cari.

Grazie

A presto.

Gianni

29 agosto 2009

Eccomi di nuovo a scrivere questo diario. In questi giorni ho provato delle sensazioni molto forti e non riesco neanche a descriverle; vedere questa gente senza niente eppure sempre sorridenti, i bambini vestiti di stracci ma sempre sorridenti, basta un batti 5 per farli felici. Sono loro che mi insegnano cos’è la vita e a viverla diversamente. Prego Dio perché li protegga sempre. Stamattina abbiamo visitato l’ospedale, è stato traumatico. Per un ammalato che ha bisogno di trasfusioni, il sangue deve essere donato da un familiare senza controllo che sia il sangue giusto, rischiando la vita; aspettano che arrivi la strumentazione dal Belgio, è una cosa inverosimile.

Poi abbiamo visitato la casa di Padre Maurice. Lo stimo molto per tutti i sacrifici che sta facendo per i ragazzi facendoli studiare e dando loro istruzione.

Sto pensando al mio ritorno a casa: non so se la mia famiglia riuscirà a capire che sono cambiata, dopo queste esperienze. Vivrò la mia vita diversamente e cercherò di trasmettere anche a loro quello che ho vissuto in questi giorni speciali con i miei compagni di viaggio che sono diventati la mia seconda famiglia, mi sono legata molto a loro. Grazie tante a Giangi, è merito suo se sto vivendo questa esperienza che mi ha donato tanta gioia. Oggi domani sempre avremo da combattere tutti insieme per rimanere sempre uniti nella fede e nella nostra amicizia e che Dio sia sempre nei nostri cuori.

Grazie a tutti, un bacio.

Buona continuazione.

Rosa

30 agosto 2009

…dai cieli mozzafiato di Tulear, con le sue dune dorate e i suoi sapori sfiziosi, alle risaie di Fianarantsoa, coi suoi paesaggi da fiaba e la semplicità scioccante della sua terra rossa…eccomi qui, ad un nuovo incrocio/ snodo di questo pellegrinaggio (come dice Giangi) ricco di sorprese e incontri. Oggi è stata dura svegliarsi alle 4, come avrete capito mi piace ronfare al calduccio del mio letto, quando posso!

Abbiamo vissuto una domenica in famiglia grazie alla celebrazione del battesimo di Fifalina, la bimba di Hanitra e Haja. Il viaggio per raggiungere Lorette, villaggio del nonno di Hanitra, è stato lungo e movimentato, ma direi che ne è proprio valsa la pena. Partecipare a questa festa mia ha fatto sentire vicina a Dio Padre e ultimamente non mi è capitato spesso.

Dopo la morte di Francesco, il mio rapporto col Padre è un po’ cambiato…se all’inizio mi sentivo avvolta dal suo Amore Santo e in questo abbraccio protetta e cullata, col passare del tempo la consolazione e il senso di abbandono si sono fatti posto nel mio cuore. Senza capire come e perché improvvisamente mi sono sentita tradita dalla vita, da Dio, dagli altri a cui avevo sempre donato tutta me stessa (coi miei pregi e i miei difetti) senza riserve…insieme a Fra lodavo Dio per le tante benedizioni con cui rendeva la mia/nostra vita carica di amore e positività. Poi tutto è cambiato…io sono cambiata, ancora una volta improvvisamente, senza capire modo e misura.

Sono arrivata in Madagascar col desiderio di fare la mia conoscenza, forse per la prima volta vulnerabile e nuda come un pulcino appena uscito dal guscio.

L’idea di poter cambiare aria, conoscere persone a cui poter svelare la nuova Shanti senza timori e finalmente realizzare il mio sogno malgascio mi ha portato qui con voi, oggi, a presentarmi per la prima volta… e se ripenso al calore e alla consolazione che ho provato in ogni eucarestia vissuta qui con voi e con Giangi  mi viene da dire così..

Sono Shanti, ho 28 anni e sono educatrice di asilo nido. Amo i bambini e vorrei tanto avere una famiglia tutta mia un giorno, con cui poter vivere nell’amore di Dio e portarlo a chi vive in condizioni più difficili rispetto alla mia. Portare il sorriso è ciò che più conta per me, raccontare ai più piccoli quanto è bello sentirsi creatura del Signore, unica e irripetibile, fatta per i disegni più alti di quanto il nostro intelletto possa vagamente cogliere qui sulla terra. Sto per tornare a Milano, a casa dalla mia preziosa famiglia, alla mia vita, con un’esperienza in più, vissuta purtroppo senza il mio fidanzato che dal 19 dicembre 2008 veglia su di me ancor meglio di come non facesse già sulla terra…Ora posso realmente dire che è il mio angelo celeste.

Torno con il desiderio forte di continuare a sentirmi così vicina a Dio Padre e agli altri senza rabbia e dolore nel cuore, ma libera e in pace con me stessa, proprio come i malgasci incontrati mi hanno insegnato.

Ho capito che tutto il dolore che mi scoppia dentro non aspetta altro che di essere offerto al signore. Solo in questo modo questa croce non mi schiaccerà più, ma al contrario mi eleverà nei cieli, perché come una colomba di pace tra le sue sante mani nuovamente capace di donarsi agli altri.

Ringrazio Giangi , perché come sempre è l’amico prezioso che mi sta accanto, con amore e rispetto, accogliendomi e spronandomi proprio come un padre!

Grazie ad ognuno di voi per avermi aiutata a fare amicizia con me stessa e con tutte le persone che abbiamo incontrato.

A Simone grazie per le coccole del buongiorno e della buonanotte.

A Tiziana grazie per la delicatezza e la presenza immutabile nel mio cuore.

A Letizia grazie per la sua instancabile allegria e per i suoi dolci occhi.

A Lara grazie per la sua semplicità e voglia di festa.

A Fabio grazie per le attenzioni e per la sua esperienza di giramondo messa al nostro servizio in questo viaggio.

A Gianni grazie per la sua schiettezza e le sue premure.

A Rosa grazie perché si è presa cura di noi come una mamma dolce e sempre in ascolto.

A Federica grazie per la sua pacatezza e le riflessioni stimolanti.

A Gisel grazie per la sua autoironia.

A Clara grazie per essersi adoperata come cuoca, nonostante la stanchezza.

E aggiungerei un grazie enorme alla famiglia di Hanitra e Haja e a tutte le famiglie con cui più da vicino abbiamo percorso questo primo tratto di pellegrinaggio sulla terra….questo è solo l’inizio, buon ritorno e buon proseguimento a tutti.

Shanti

Samuele in Madagascar, agosto 2009

Letizia e Gianni Bonetti, con Rosa Testa Facchinetti, Padre Gian Luigi Colombi e altre dieci persone di varia provenienza, il giorno 12 agosto 2009 partono per il Madagascar. Lo scopo del viaggio è duplice. Si tratta infatti di fare un’esperienza di incontro e di conoscenza di una realtà tanto diversa dalla nostra. Tre anni fa anche un gruppo di ragazzi di Luzzana, Lisa, Chiara, Anna, Andrea, Sara e Damiano, si erano recati laggiù per toccare con mano povertà e ricchezza di quel Paese. Guidati dall’esperienza di Padre Gianluigi, chi accoglie ogni  anno il suo invito a fare questo viaggio  ha l’occasione per avvicinarsi, con rispetto e discrezione, a una cultura che ha sì tanto da ricevere nella sua povertà di mezzi, ma può anche dare molto in termine di valori quali la sobrietà, l’essenzialità, l’attaccamento alla famiglia e alle tradizioni, l’ascolto della natura.

Questo viaggio ha anche un valore aggiunto. Infatti, attraverso la ripubblicazione del libro  “ Samuele. TU CHE CONOSCI IL CIELO”, è stata raccolta la cifra di 13.000 euro destinati, con il patrocinio dell’associazione Unico Sole- Onlus,  a finanziare un acquedotto  a Ivondrona, regione di Haute Matsiatra in Madagascar.

Questo paese ha una popolazione di 634 abitanti raggruppati in dieci piccoli villaggi. E’ una popolazione che vive di un’agricoltura tradizionale di sussistenza, coltivando il riso, alimento base di ogni malgascio. L’unico centro di aggregazione del paese è la scuola elementare, frequentata da 155 bambini, e la chiesa cattolica. L’ 80 % della popolazione in Madagascar non ha accesso all’acqua potabile; con la realizzazione di questo progetto, i 634 abitanti avranno la possibilità di attingere acqua potabile alle dieci fontane pubbliche sparse nei loro villaggi. La popolazione apporterà il suo contributo, circa il 10% del costo totale dell’acquedotto,  attraverso lo scavo a mano di un metro di profondità del canale dove passerà il tubo, ed il reperimento dei materiali da costruzione che si trovano sul posto. L’acqua è un bene di tutti e in Madagascar si sta attenti a non privatizzarla. A lavori ultimati, l’acquedotto sarà gestito da un comitato scelto tra tutti coloro che ne usufruiranno e ogni fontana pubblica avrà due responsabili che raccoglieranno il contributo, un euro l’anno, da parte di tutte le persone maggiorenni che attingeranno acqua alla fontana. Un modo per non fare semplice elemosina, che offende la dignità della persona, ma esigere corresponsabilità e partecipazione. Saranno due gli acquedotti da inaugurare: insieme a quello di Samuele, anche, in un’altra zona, quello offerto da una signora, anch’essa partecipante al viaggio, in ricordo del marito.

Quando la sera del 27 dicembre scorso, presso l’oratorio di Luzzana è stato presentato il libro di Samuele e questa iniziativa di solidarietà, Padre Gian Luigi ha invitato tutti a questo viaggio dicendo con molta chiarezza e determinazione che “…non basta mandare soldi a questa gente, bisogna andare a trovarli, loro non potranno mai venire a trovare noi!”. Un invito che spiazza e interroga, e che non può non essere raccolto, soprattutto da chi vive sulla propria pelle la sofferenza e la speranza di un seme che, morendo, può portare molto frutto.

Letizia e Gianni avranno nella loro valigia un pezzo speciale, una targa che loro stessi fisseranno ad una della dieci fontane, con la scritta, in italiano e in malgascio:

A ricordo di Samuele Bonetti, la sua famiglia e i suoi amici

 offrono con amore

 l’acquedotto al paese di Ivondrona”.

Grazie alle tante persone che con sensibilità e generosità hanno offerto la loro preziosa goccia d’acqua. Ivondrona conoscerà in questo modo i tanti amici di  Samuele, e lui porterà anche in questa terra lontana il loro sorriso e un amore che non ha confini.

Verbale dell’assemblea del 20 settembre 2008

 Sabato 20 settembre 2008 alle ore 15.00 presso il Centro Pastorale Giovanni XXIII a Paderno (Seriate), si è riunita l’assemblea annuale  dell’Associazione Unico Sole-Onlus, presieduta dal presidente Fabio Forcella.

Presenti il Vicepresidente Angelo Colombi e i consiglieri: Enrico Cortinovis, Nicola Carrara, Damiano Bonetti, Andrea Bianchessi, Cinzia Cortinovis, Chiara Amboni e Giovanni Colombi (Presidente Onorario).

Assenti i Consiglieri: Chiara Ghidelli, Dario Ne, Katia Noris.

Presenti i soci dell’Associazione non facenti parte del Consiglio Direttivo: Marta Longhi, Lucia Magri, Silvia Zerbini, Silvia Titti, Alfredo Cremaschi, Gibellini Gabriella, Erba Agnese, Carissoni Elena, Luciana.

 Viene discusso il seguente ordine del giorno:

  1. Saluto e discorso iniziale del Presidente Fabio Forcella e del Presidente Onorario Giovanni Colombi
  2. Progetti dell’Associazione Rainay
  3. Lettura della relazione del direttore scolastico di Manarinony
  4. Relazione relativa al canale di irrigazione
  5. Progetti dell’Associazione Miaraka Aminy
  6. Progetti finanziati durante l’esperienza estiva 2008
  7. Fondo cassa dell’Associazione UnicoSole Onlus
  8. Stesura del Bilancio Preventivo 2009
  9. Ristampa del libro “Samuele”
  10.  Varie ed eventuali

 Punto 1: Saluto e discorso iniziale del Presidente Fabio Forcella e del Presidente Onorario Giovanni Colombi:

 Il Consiglio Direttivo comincia con il discorso iniziale del Presidente Fabio Forcella e del Presidente Onorario Giovanni Colombi che, dopo un saluto a tutti i partecipanti, invitano i presenti ad una piccola presentazione di conoscenza.

Viene inoltre presentata la bozza relativa al calendario 2008-2009, nelle due versioni concordate nelle riunioni precedenti: calendario da tavolo e calendario da muro.

La frase che sarà presente sul calendario e che accompagnerà tutti i mesi dell’anno sarà “Le distanze ci separano, ma i cuori ci uniscono”.

 Punto 2: Progetti dell’Associazione Rainay:

 Il Presidente Onorario Giovanni Colombi presenta la lettera scritta dal Presidente dell’Associazione Rainay, Michel, indirizzata all’Associazione UnicoSole relativa all’andamento e alla riuscita dei vari progetti presentati e finanziati nell’anno 2007-2008.

 Il Presidente Michel ringrazia l’Associazione UnicoSole per i progetti relativi all’educazione e allo sviluppo dei vari villaggi.

Il rapporto relativo a tali progetti è il seguente:

  • 2 ragazzi hanno terminato la formazione professionale;
  • 3 ragazzi hanno ottenuto il diploma di V°ginnasio;
  • 7 ragazzi hanno ottenuto il diploma di V°elementare;
  • tutti i ragazzi sono stati ammessi alle classi successive;
  • è stato realizzato un nuovo corso di taglio e cucito e di ricamo seguito dalle ragazze nel mese di luglio e dai ragazzi nel mese di agosto;
  • con l’utilizzo dell’ultimo piano della casa accoglienza di Fianarantsoa, il totale dei ragazzi presenti è salito a 52 ai quali bisogna aggiungere il numero degli educatori e dei collaboratori, per un totale di 61 persone;

 Punto 3: Lettura della relazione del direttore scolastico di Manarinony:

Il Presidente Onorario Giovanni Colombi presenta la relazione del direttore scolastico relativa al progetto finanziato dall’Associazione UnicoSole nell’anno 2007-2008.

All’Associazione venne richiesto un contributo di 1.200 euro per finanziare la mensa scolastica e garantire la merenda agli alunni presenti  durante il periodo che va dal 16 gennaio al 13 marzo 2008.

Tale progetto prevedeva una merenda a metà mattinata nel periodo di crisi della raccolta del riso: il lunedì, il mercoledì e il venerdì venivano consegnati agli alunni un bicchiere di latte o di the ed un piatto di pasta al pomodoro; quest’ultimo veniva sostituito da una razione di pane e burro il martedì e il giovedì.

 Durante tale periodo i ragazzi erano ben presenti alle lezioni e molto attenti.

Tale progetto ha coinvolto 203 alunni, 6 insegnanti e 6 madri che preparavano da mangiare.

I genitori degli alunni hanno partecipato attivamente al progetto raddoppiando la razione di riso annuale.

Grazie alla mensa scolastica il numero degli alunni presenti era maggiore rispetto agli anni precedenti e 24 alunni su 27 hanno passato l’esame di V°elementare.

 Punto 4: Relazione relativa al canale di irrigazione:

 Il Presidente Onorario Giovanni Colombi illustra la relazione dei lavori di riabilitazione del canale di irrigazione.

È stata costruita una diga lunga 80 metri e alta 40 metri; un canale di pietre e cemento; dei gradini di sostegno ed è stata realizzata la pulizia del canale lungo 2 Km. I lavori hanno coinvolto 72 persone (soprattutto donne).

Hanno avuto inizio il 12 settembre e sono terminati il 23 ottobre 2007.

L’obiettivo del canale è quello di poter irrigare 17 ettari di terreno coltivato a riso.

Su tale argomento il Presidente Fabio Forcella ha sottolineato la sua delusione: durante l’esperienza estiva 2008 ha potuto constatare il limitato sfruttamento dei campi (circa il 30-40% del totale). Il canale viene quindi sfruttato da poche persone e una parte dei terreni non viene coltivata a dovere.

Tale situazione ha inciso ulteriormente sulla realizzazione dell’autofinanziamento della mensa scolastica.

 Punto 5: Progetti dell’Associazione Miaraka Aminy:

 Il Presidente Maurice ha presentato all’Associazione UnicoSole la lista relativa ai nominativi dei ragazzi presenti nella casa accoglienza, per un totale di 32 ragazzi.

Durante l’esperienza estiva 2008 sono stati finanziati all’Associazione Miaraka Aminy 2.611 euro per le seguenti attività:

  • sostegno a distanza di 32 ragazzi che ricopre la retta scolastica;
  • acquisto di materiali per la casa accoglienza (20 sedie, 5 materassi);
  • finanziamento del progetto di pescicoltura nel villaggio di Mahaditra;
  • spese relative alla piantagione di 1.000 piante. Su tale attività l’Associazione UnicoSole ha consigliato di piantare alberi da frutta.

Punto 6: Progetti finanziati durante l’esperienza estiva 2008:

 Il Presidente Onorario Giovanni Colombi presenta i vari progetti finanziati dall’Associazione UnicoSole:

  • per quanto riguarda la casa accoglienza di Fianarantsoa, oltre alle adozioni in corso, ne sono state aggiunte 7 per un totale di 52 alunni. (finanziamento totale: 2.250 euro);
  • costruzione nella casa famiglia di Fianarantsoa di una stufa a risparmio energetico con relativa cappa, l’ampliamento della cucina con nuovi lavandini, tavoli di cemento, finestre nuove, nuovo passaggio tra casa e cucina, tettoia per conservare legna e carbone, nuovo cancello d’entrata, nuovo muro di cinta con     
  • relativo rafforzamento delle fondamenta, nuovo canale per l’acqua    piovana nel lato nord della casa, tre nuove porte d’entrata di metallo, grondaia nuova.    (finanziamento totale: 7.972 euro);
  • finanziamento per la costruzione dell’acquedotto con 8.300 metri di tubature nel villaggio di Manarinony. (finanziamento totale: 19.330 euro)
  • sostegno a distanza per 25 alunni di Ambositra. (finanziamento totale: 2.550 euro);
  • finanziamento per la mensa scolastica di Manarinony. (finanziamento totale: 1.202 euro).

 In totale le spese dell’Associazione UnicoSole ammontano a 36.065 euro.

 Punto 7: Fondo Cassa dell’Associazione UnicoSole Onlus:

 Fondo Cassa: 10.563 euro

 Punto 8:  Stesura del Bilancio Preventivo 2009:

 Il Presidente Fabio Forcella e il Presidente Onorario Giovanni Colombi hanno preventivato una spesa di circa 30.000 euro per l’anno 2009.

 Punto 9: Ristampa del libro “Samuele”:

 Come concordato nei Consigli Direttivi precedenti, l’Associazione UnicoSole Onlus si impegna a finanziare la ristampa di 600 copie del libro in ricordo di Samuele, per un totale di 5.000 euro.

La ristampa avrà un’impronta di solidarietà in quanto verrà associata al progetto relativo alla costruzione dell’acquedotto in Madagascar.

 Punto 10: Varie ed eventuali:

  •  E’ stato richiesto il finanziamento di 13.220 euro per la costruzione di un nuovo acquedotto che coinvolgerà 634 persone in 10 diversi villaggi. Tale finanziamento dovrà essere approvato dall’Associazione UnicoSole Onlus.
  • Renè chiede all’Associazione UnicoSole un aiuto economico di 1.200 euro per l’acquisto di pali da basket.
  • Il prossimo incontro è fissato per venerdì 17 ottobre presso la sede dell’Associazione UnicoSole Onlus in via Roccolo 39, Seriate, alle ore 20.30/ 21.00.

 Seriate 20 settembre 2008 

Il Presidente                                                                                 Il segretario

Forcella Fabio                                                                             Zerbini Silvia

Verbale dell’assemblea del 30 settembre 2007

Nel dicembre del 2003 il gruppo UnicoSole è spuntato, senza che nessuno lo prevedesse, oserei dire come logica conseguenza, da un minuscolo gruppo di persone che erano state in Madagascar.

Dopo tre anni di cammino e consolidamento il 14 gennaio 2007 si è costituito in Associazione “UnicoSole-Onlus”, attraverso i primi 23 soci fondatori. Oggi con letizia partecipiamo alla prima Assemblea Generale.

Quali sono i punti salienti di questi primi otto mesi e mezzo di vita dell’Associazione?

Dalla sua prima riunione il Consiglio Direttivo ha deciso di guidare l’Associazione, coinvolgendo tutti i suoi membri nella partecipazione e assunzione di responsabilità sia alle riunioni mensili, fin’ora otto, sia nella formazione alle esperienze estive e sia nelle varie attività e impegni. Inoltre ogni consigliere è responsabile di un settore: la formazione, l’informazione, le pubblicazioni e la stampa, le pubbliche relazioni, l’organizzazione di manifestazioni e il reperimento del materiale necessario.

Uno dei più grandi impegni è stata l’organizzazione, la formazione, la conoscenza e l’accompagnamento dei nostri trenta cari amici che quest’estate hanno partecipato alle due esperienze in Madagascar e che oggi sono presenti: siamo noi la prima risorsa dell’Associazione. Tutto ciò è avvenuto in sei incontri, il 18 febbraio, 18 marzo, 19 aprile, 5 giugno, 17 giugno, 15 luglio e le due esperienze in Madagascar dal 12 agosto al 3 settembre e dal 25 agosto al 15 settembre.

                         Eventi particolari

  • Dal 5 febbraio al 1 marzo Chiara e Flavio Ghidelli con Sandro hanno effettuato una visita ai progetti in Madagascar.
  • Il 28 febbraio ci ha lasciati per la casa del Padre il nostro caro amico Andrea Valtulini. Scriveva di suo pugno nel diario a conclusione del viaggio in Madagascar il 9 ottobre 2004: “Si realizzi nel miglior modo possibile, l’obiettivo per il quale abbiamo lavorato con tanta passione e impegno e non solo in questi giorni. Chissà tutto questo potrebbe essere il seme di un grande albero”. Noi conosciamo l’importanza degli antenati in Madagascar e, Andrea da lassù oggi sorride con noi perché quest’albero sta crescendo.
  • Il 26 e 27 maggio a Luzzana c’è stata la festa dell’Associazione: grazie alla partecipazione e collaborazione di tanti sostenitori, tutto è ben riuscito, nonostante la pioggia nei due giorni.
  • Nella serata del 5 giugno è avvenuta la presentazione ufficiale dell’Associazione nel teatro Aurora di Seriate, durante lo spettacolo dell’equipe di don Andrea Gallo.
  • Sono venuti in Italia i nostri amici malgasci Bruno Rakotoarison, agli inizi di giugno e Zidane nei mesi di giugno, luglio e agosto.

                            Visita in Madagascar e progetti

Quale ricchezza è sgorgata dalle nostre vite e dai nostri cuori dopo quest’esperienza: i frutti sono ben visibili.

I partner delle due Associazioni Rainay e Miaraka Aminy hanno svolto un lavoro eccezionale per accoglierci, guidarci e metterci in contatto con la reale vita ed i progetti. In svariati modi ci hanno manifestato la loro voglia di un cammino di vita comune, dove ognuno porta la sua parte e dove ogni difficoltà è superabile con l’impegno e la condivisione delle nostre umanità.

Molti di noi hanno potuto vedere di persona i vari progetti. La novità è che da quest’anno si sono diversificati non solo nel campo della scolarizzazione ma in quello della sicurezza alimentare (mensa scolastica), dell’agricoltura (riabilitazione di un canale), formazione al lavoro per i giovani (laboratorio d’artigianato). Inoltre per mezzo delle due associazioni locali siamo entrati in contatto con altri partner locali che sono le istituzioni pubbliche e i comuni. L’impatto sociale, economico, d’idee, culturale,politico di questi piccoli progetti nel contesto delle comunità malgascie è di notevole entità che neppure noi non possiamo immaginare.

Lo spirito con cui abbiamo deciso di lavorare insieme è quello di conoscerci l’un l’altro, mettendo in comune le nostre risorse e diversità nella volontà di costruire insieme dei nuovi rapporti d’umanità fra di noi e fra il nord e il sud del mondo. Eccovi i progetti:

  1. Costruzione della seconda parte della casa d’accoglienza dell’associazione Miaraka Aminy: 20.367 €
  2. Costruzione d’un magazzino viveri e di una stanza per lavori di ricamo ed artigianato per l’autofinanziamento dell’associazione Rainay: 12.050 € (l’associazione Rainay vi partecipa con l’apporto di 5.000 €)
  3. Sistemazione degli ambienti all’ultimo piano nella casa famiglia Rainay per una maggiore recettività di ragazzi: 1.075 €
  4. Sostegno a distanza per 40 alunni delle scuole elementari, medie e superiori: 14.000 €
  5. Mensa scolastica per 200 alunni di una scuola elementare statale: 1.210 €
  6. Lamiere per il tetto di due aule scolastiche per una scuola media comunale: 880 €
  7. Riabilitazione di un canale per irrigare 30 ettari di risaie ed ampliarne la superficie coltivabile fino a 100 ettari: 2.450 €

                      Prospettive per il futuro

Quali sono le prospettive per l’avvenire della nostra Associazione?

  1. Gli incendi in Madagascar hanno un’effetto particolare, soprattutto di notte. Si racconta che durante un incendio, mentre tutti fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il coccodrillo con un sogghigno d’irrisione. Il colibrì, proseguendo il volo, gli rispose:”Io faccio la mia parte”. E’ questo il primo cambiamento che è avvenuto in noi: tradurre in esperienze concrete di vita ciò che abbiamo visto, sentito e che le nostre mani hanno toccato, il senso profondo della vita.
  2. In secondo luogo, la forza e il dono che abbiamo ricevuto gratuitamente da quest’esperienza di vita e fra di noi, non possiamo più tenerla solo nel nostro cuore ma è necessario comunicarla, altrimenti morirà in te stesso.
  3. Partecipa con il sudore della tua fronte e la forza delle tue braccia all’autofinanziamento dei progetti, organizzando incontri, feste, spettacoli, manifestazioni, proiezioni con aperitivi o pizzate, mercatini, feste di battesimo o matrimonio, sostegno a distanza: queste sono le nostre più belle entrate perché l’impegno e la condivisione della vita ci fa crescere insieme.
  4. Come ci è stato detto dai partners in Madagascar, ora abbiamo visto la strada per raggiungere la nostra famiglia laggiù e anche Paolo e Maria non si perderanno più. A noi l’impegno di tenere vivi ed operativi questi legami con scritti, visite, messaggi…
  5. Fin d’ora pensiamo alla programmazione delle esperienze estive per il prossimo anno: chi desidera lavorare in quest’ambito? Con l’esperienza di quest’anno e la richiesta di nuovi progetti, è necessario che qualcuno di noi s’impegni maggiormente nel visitare, studiare e valutare insieme ai partners e comunità locali i nuovi progetti.
  6. Con lo sviluppo del progetto d’artigianato, è importante una seria ricerca di mercato con le varie possibilità d’attuazione insieme ad altri partners italiani che già lavorano nel settore, ad esempio la cooperativa Ravinala di Reggio Emilia.
  7. Chi può organizzare una mailing list e newsletter?

 Il tempo corre ed ora ecco la chiamata per l’Albania. Non è certo il Madagascar, ma parto col cuore libero e gioioso, sapendo che l’Associazione è in buonissime mani e tutto ciò spronerà al altre mete che all’orizzonte iniziano ad intravedersi.

Il Signore della vita ci renda saldi nei nostri cammini di condivisione delle nostre vite, perché l’amore confini non ne ha.

 Costa Mulè,  domenica 30 settembre 2007                                       

Giovanni Colombi