In Albania

Nel 2010 UnicoSole ha realizzato anche un progetto in Albania a Gruda e Re, che  dista dalla città di Scutari 4 Km.

Si tratta di un salone polivalente utilizzato, innanzitutto, per i corsi di formazione gestiti con l’aiuto di persone del luogo:

Accogliente.  lontana dalla strada, la struttura rappresenta anche il punto di incontro della comunità della parrocchia: sala per le lezioni di catechismo,  per attività ricreative (specie la domenica), e per ogni tipo di feste  per i moltissimi bambini del quartiere, e  per i giovani

Qui sotto puoi trovare la descrizione completa del progetto, mentre in allegato è disponibile tutta la documentazione prodotta per la realizzazione.

 

A seguire trovate i link alle altre iniziative in favore dell’Albania

Documentazione di merito del progetto “Salone polivalente

per corsi professionali e attività sociali con i Missionari Vincenziani

  

Presupposti e motivazioni del progetto

Nella ricorrenza dell’anno vincenziano, l’associazione Unico Sole Onlus in collaborazione con la  Provincia di Torino della Congregazione della Missione e l’Associazione Il granello di senape Onlus intende promuovere un progetto denominato“  Salone polivalente per corsi professionali e attività sociali con i Missionari Vincenziani”

La scelta è caduta su un paese vicino a noi, ma non per questo meno disastrato di tanti altri paesi nel mondo: l’Albania.

Un elemento che caratterizza la missione in Albania è il contatto quotidiano con i poveri, che sono al centro della attenzione e dell’interesse. La missione è inoltre impegnata in una faticosa attività di ricostituzione del tessuto sociale, completamente disgregato a causa anche della forte emigrazione e della delinquenza diffusa.

Di fronte alla situazione generale e locale sopra descritta, la comunità parrocchiale di Gruda e Re con i missionari e seminaristi ha deciso di creare un Centro di aggregazione in risposta ai bisogni sociali della grande parrocchia.

Inoltre è previsto un lavoro di formazione di giovani seminaristi, che sta portando i suoi frutti e il mese di giugno scorso è stato ordinato Diacono il primo missionario albanese. A fine marzo sarà ordinato sacerdote. 

Criticità e soluzioni proposte 

La parrocchia di Gruda e Re dista dalla città di Scutari 4 Km. E’ stata affidata dal Vescovo locale, Mons. Angelo Massafra, ai missionari Vincenziani italiani nell’anno 2000.

Un elemento che caratterizza la missione è il contatto quotidiano con i poveri, che sono al centro dell’attenzione. Tutta la programmazione e attività è orientata a dare risposte concrete ai problemi della popolazione affidata, uscita dall’esperienza di comunismo e totalitarismo con grande fatica, che cerca di inserirsi nella nuova realtà mondiale senza riuscire ad arrivare ad una propria identità ben precisa. Inoltre va sottolineato un continuo movimento che spinge la gente all’emigrazione, con la conseguenza che il lavoro pastorale è orientato più al presente che ad un futuro incerto..

Opere da costruire e metodologia applicata

La parrocchia oltre alla chiesa parrocchiale dispone di sole due piccole sale destinate a tutte le attività parrocchiali, giovanili, catechetiche, culturali, e di formazione.

La Parrocchia è cresciuta ed è ormai indispensabile un ambiente più ampio per le molteplici attività:

  • Centro di aggregazione per tutte le attività di formazione umana e cristiana con i ragazzi, giovani, adulti e famiglie.
  • Luogo d’incontro, riunione e formazione per tutta la comunità.
  • Sala giochi per l’inizio di un oratorio.
  • Sala per spettacoli, teatro, cineforum e feste.
  • Sala per laboratorio di taglio e cucito per le ragazze e le donne.
  • Sala per le attività dei campi estivi con i ragazzi.
  • Sala per incontri e campi per handicappati e disabili.

Il coinvolgimento attivo della popolazione sarà la linea guida seguita dai missionari sul luogo e dalle associazioni onlus chiamate a collaborare.

Il progetto viene proposto dalla Associazione Unico Sole Onlus, dalla Provincia di Torino della Congregazione della Missione e dalla l’Associazione Il granello di senape Onlus, che si impegnano alla realizzazione dell’opera e a fornire la rendicontazione dovuta dell’avvenuta realizzazione. 

Risultati attesi e criteri di verifica 

Quella che intendiamo raccogliere è una sfida, all’idea ( terribilmente globalizzata!), che la povertà a cui condanniamo milioni di persone sia un fatto ineluttabile con il quale convivere; quindi, una  ferma presa di posizione che ci fa ritenere che la povertà materiale e spirituale sia invece il frutto amaro e iniquo di meccanismi di negazione dei diritti fondamentali e delle risorse a spese dei gruppi più vulnerabili, e, infine la decisione convinta di voler essere dalla parte degli ultimi e dei vinti.

Attraverso la nostra voce e le nostre iniziative, contiamo che l’invocazione stanca di parole dei poveri e degli innocenti possa davvero penetrare il cuore e le coscienze.

La verifica, che sarà rendicontata con fotografie e spese sostenute localmente, sarà anche sociale: la possibilità della popolazione coinvolte di poter intraprendere un cammino di formazione spirituale e materiale che permetta loro di aspirare ad un futuro migliore di quello a cui sarebbe stata condannata.

I promotori del progetto, in collaborazione con le associazioni Onlus che collaborano con loro, si faranno carico di monitorare l’evolversi delle possibilità occupazionali raggiunte grazie ai programmi di formazione realizzati. 

Impatto socio-economico, sostenibilità e ripetibilità

Educare e istruire, se si vuole cambiare qualcosa, deve essere la parola d’ordine di chi vuole veramente intervenire efficacemente.

Condiviso tale intendimento la proposta in argomento per la quale si chiede il finanziamento è necessaria per poter offrire opportunità di istruzione, di formazione e avviamento al lavoro, di sostentamento autonomo ai giovani e alle donne nel loro stesso Paese.

All’assistenzialismo, che toglie autonomia, dignità e possibilità di realizzazione personale, si vuole sostituire la promozione della persona e della sua capacità creativa, sostenendola con progetti di apprendimento spirituale e formazione professionale.

La formazione morale e professionale delle persone è quindi fondamentale.

Permettere alle persone di accedere alla programmi appositamente studiati per loro, è il modo più efficace per iniziare un cammino di auto promozione.

I primi successi daranno forza per compiere altri passi.

In questo senso va sottolineata ed apprezzata la preparazione dei missionari locali perché solo la gratuità del dono di se stessi, può trasmettere valori e conoscenze acquisite e a fare da elemento trainante all’interno di ogni organizzazione.

L’intendimento primario di questo progetto è di aiutare a risolvere uno dei problemi quotidiani più gravi: la ricerca di un dignitoso posto di lavoro, di un reddito per mantenere la propria famiglia, di un collocamento all’interno della comunità locale.

Raggiunto questo obiettivo e stabilizzati i risultati attesi, l’associazione proponente e gli enti che collaborano, intendono promuovere attivamente i passi successivi: trasmettere queste esperienze e queste potenzialità alle missioni circostanti perché questo lavoro non rimanga fine a se stesso, ma sia il seme da cui nascano iniziative similari.

Il Presidente

Elide Longa

 Via Roccolo 39 – 24068 Seriate (BG)- C.F. 95160790168–  IBAN  IT53 Y 05428 53510 000000077355

www.unicosole.itinfo@unicosole.it 

Un aiuto di corrente all’Albania 22 novembre 2012

Al di là di ogni attesa 30 maggio 2010

Belle ragazze albanesi 14 marzo 2010